27 aprile 2018

IT'S A CHOP, BABY!





Per la serie, il chopperino sporty ha sempre il suo perchè: it's a chop, baby.



Harley Davidson Golfe De Bretagne feat T.B.O.T.K.







In generale non amo stroncare una preparazione o definire brutta una modified. Se dovessi però basarmi esclusivamente sul mio gusto, sarebbero davvero poche le moto che salverei senza riserve. Uso sempre i guanti di velluto quando scrivo di una sporty: il lavoro degli altri va trattato con rispetto. Doverosa prefazione per introdurre il 48 del dealer francese Harley Davidson Golfe De Bretagne: in vero questa moto non è una di quelle che boccerei. Un bobber con influenze seventies e con una livrea che è un tributo al paese del caro Zio Sam. Tanti i pezzi provenienti dal catalogo ufficiale e qualche divagazione aftermarket (scarico e filtro in primis) rendono questo forty-eight senza dubbio particolare. L'effetto bandiera in movimento sulla carrozzeria è il pezzo forte, unitamente agli accenti bianchi di sella, manopole e pedane: la tipologia di manubrio è, a mio modesto avviso, tra i più brutti in commercio.

In sintesi; una modified che a qualcuno piacerà sicuramente ma alla quale mi sento di dare solo una sufficienza stiracchiata.



26 aprile 2018

Domenica Sportyva 2018



Osservate con attenzione la locandina: notate per caso un logo familiare? Tante interessanti novità in arrivo, è solo questione di giorni. State sintonizzati. . .








Il cacciatore di XL feat Chrimic TV






Per il terzo anno consecutivo, saranno Michael e Christian di ChrimicTV ad occuparsi delle foto banner, che scatteremo a tutti i partecipanti al nostro meeting: un bel ricordo da conservare. Anche le immagini di questo forty-eight, scovato a Milano pochi giorni fa, è opera loro: a caccia di Sporty sempre e comunque.









24 aprile 2018

Welcome Kit at Sporty Meeting '18




Come anticipato in un precedente post, per l'edizione 2018 abbiamo deciso di proporre all'ingresso un Welcome Kit; una busta contenente la patch e l'adesivo dell'evento, gadgets, buoni sconto e il materiale promozionale fornito dai partners aderenti. Il suddetto kit verrà consegnato, a chi lo vorrà, dietro un offerta libera simbolica. Sottolineo per maggiore chiarezza l'inciso, a chi lo vorrà

Proprio in questi giorni inizia ad arrivare il materiale: primo tra tutti il portachiavi e flyers della Metzeler. Sotto data ci toccherà passare qualche ora per comporre, uno ad uno, i Welcome Kit: quello che si può definire, senza rischio di smentita, un lavoraccio certosino.



Nelle prossime ore pubblicherò sul profilo FB di Duecilindri, nella sezione eventi, il nostro meeting: chiedo la cortesia, di condividere e confermare la vostra partecipazione. 






CrazyOils feat Partner Tecnico 2018




Francesco Mattioli e Moreno Pagani, meglio conosciuti come CRAZYOILS, operano alle porte di Milano da quasi un decennio; la nuova sede in Via Buozzi 31 a Segrate è semplicemente strepitosa e tanti sono gli amici che negli anni sono diventati loro affezionati clienti. Francesco peraltro è stato l'artefice di alcune importanti modifiche alla Bettina: il cupolino, la pompa freno Discacciati e le pinze Brembo con staffe ad hoc, solo per citare le più significative. In seguito, il codino realizzato da Numero Uno e la conversione a 1200 sono stati up grade che ho dovuto fare, obbligatoriamente, presso la rete ufficiale. Ma la mia stima per questi ragazzi è rimasta immutata: qui la passione è nell'aria. Oltre la manutenzione ordinaria, le modifiche più o meno radicali potrete trovare anche un verniciatore resident (Alex NewDesign) e prossimamente uno shop dedicato. Per inciso, se esiste Duecilindri, il merito o la colpa è in gran parte di CrazyOils e del suo blog omonimo (purtroppo non più aggiornato con costanza): nel 2009 decisi di dar vita a questo spazio, sulla piattaforma blogspot, seguendo proprio l'esempio di Francesco e fu lui a darmi i primi rudimenti in materia.  





Il Team CRAZYOILS si è anche occupato, fin dalla prima edizione, delle splendide e originalissime targhe premio contest (Best of Show, Best Nostalgic, Best Modified) per il nostro meeting: anche per l'edizione 2018 saranno opera loro. Non fatevi trarre in inganno dalle facce da brutti ceffi dei protagonisti: qui cordialità e disponibilità sono di casa. Per il terzo anno consecutivo, con mio estremo piacere, CrazyOils sarà Partner Tecnico 2018 di Sporty Meeting Italia.






23 aprile 2018

One Shot 48 by Harley Davidson Portofino






Partiamo da una constatazione; la maggior parte delle preparazioni italiane su base sporty partecipanti alla The Battle Of The Kings, montavano una o più parti del nuovo Cafe Kit. Seduta e sella, semi manubri e alloggiamento strumento, ma anche le pedane in posizione arretrate e gli specchietti esterni alle manopole: questi gli accessori che compongono il suddetto kit. 

Già solo il fatto che la modified realizzata da HARLEY DAVIDSON PORTOFINO non abbia alcuno dei sopra citati pezzi è dal mio punto di vista motivo di lode e di una volontà di non svolgere il mero compitino. Un neo bobber, quello ligure, con una colorazione che spicca su tutto. I tanti richiami yellow su cerchi, distanziali teste e cavi sono il trade union della One Shot, letteralmente Un Tiro Un CentroL'idea parte da DANY, il responsabile tecnico della concessionaria, appassionato di harley e di body building, che ha voluto attingere dalla sua passione sportiva per preparare questo forty-eight. 

La moto ha subito idealmente un intenso pompaggio muscoli: con l'apehanger Chizeled e' bello guidare e si possono mostrare meglio le fatiche di un inverno in palestra, mentre i foderi forcella sono stati ricoperti, con dei soffietti in gomma, per conferirgli un look più massiccio. Il faro a led, con la visiera in nero goffrato, e i bellissimi cerchi a cinque razze provenienti dal catalogo genuine, sono al tempo stesso dark e grintosi. I terminali di scarico invece sono una realizzazione artigianale di Dany e suonano una musica rauca e potente grazie anche ad un filtro open Screaming Eagle. 


Una moto, la One Shot, bella da vedere ma sopratutto divertente da guidare. Già nella precedente edizione della The Battle Of The Kings il team di H-D Portofino si era distinto per originalità; a questo giro arriva la conferma.





20 aprile 2018

Promoting Sporty Meeting '18





E' iniziata ufficialmente la promozione del nostro meeting: flyers e locandina sono pronte. L'obbiettivo per l'edizione 2018 sarà quello di riuscire ad avere almeno un partecipante in più rispetto alla precedente, alzare il livello qualitativo generale dell'evento senza però perdere le caratteristiche che ci hanno fin qui contraddistinto. Mai come quest'anno il passaparola sarà fondamentale per la riuscita della giornata più sporty del 2018. 

In sintesi, abbiamo bisogno anche di te.







Sarà un luogo comune feat Sportster






Quante volte avete visto il claim l'importanza del dettaglio e quante volte, osservando la moto in questione vi è sfuggito il senso di tale affermazione. Per come la intendo io, può bastare anche solo una modifica ben assestata per cambiare radicalmente faccia alla vostra sporty. In meglio si spera. 

Prendete questo nightster come esempio: un peanut con grafica 48 prima serie, un copri filtro nero lucido, una sella doppia e null'altro. Tre modifiche semplici, per nulla radicali ma che riescono a stravolgere completamente la linea della moto. Sempre in meglio, naturalmente. Questo per me vuol dire l'importanza del dettaglio. 




19 aprile 2018

Quattro Candele Sporty Time




Un modello che è sempre più oggetto di culto e sempre più ricercato dagli appassionati del marchio: mi riferisco ovviamente al 1200S nella sua versione a quattro candele in particolare. Gran bel mezzo! Colgo la palla al balzo per segnalare che, al nostro meeting, con buone probabilità avremo uno spazio dedicato proprio a questa tipologia di sporty. Un altro buon motivo per non mancare.





Raging Dagger by Rough Craft








Mai e poi mai avrei ipotizzato che la base di partenza della Raging Dagger, l'ultima sporty by ROUGH CRAFT, fosse proprio un forty eightDi primi acchito avrei pensato ad un roadster e invece Winston Yeah riesce sempre a sorprenderci: in vero, del modello di origine, poco o nulla è rimasto. A parte l'estetica, in puro stile RC, è la ciclistica ad aver subito gli interventi più radicali: la forcella a steli rovesciati della Ohlins con relative pinze radiali Beringer e i cerchi in carbonio dell'azienda sudafricana BST sono il top nei rispettivi settori. Anche il forcellone Trac Dynamic con elemento Ohlins posizionato orizzontalmente sotto il motore è un altro tocco che rende questa moto spettacolare per soluzioni adottate. Di pari passo anche il motore, potenziato con aste e camme specifiche, e lo scarico con collettori artigianali, formati da numerose sezioni saldate tra loro. Il risultato è proprio davanti ai nostri occhi: un mezzo esclusivo, non per tutti e non per tutte le tasche

18 aprile 2018

La Compagnia della Pezza feat Duecilindri



Si ringrazia la Compagnia della Pezza (comics about chapter and biker world) per la gradita vignetta a tema Duecilindri. Per vederne altre vi basterà cercare la loro pagina facebook e instagram.





It's only a Crew!








Pubblico qualche scatto effettuato sabato scorso alla Primavera Biker Party, evento organizzato dalla rivista Low Ride in collaborazione con Egimotors: la Duecilindri Crew era ovviamente presente per la promozione del meeting. Nelle foto; la prima immagine ritrae Matteo in sella al suo nightster realizzato dal mai troppo compianto Angelo Neri, la seconda e la terza mostrano in primo piano i tank del 1200R di Francesco e del 48 di Gianmarco, la quarta vede Alfonso alias Klotz in posa vicino al suo 48 racerstyle e al fianco di Ronnie nell'ultima. All'appello manca solo Gaetano, giunto in leggero ritardo, in sella alla sua splendida sporty, best of show alla prima edizione del meeting.







17 aprile 2018

Two Sporty Short Track on 883R





Scovate alla Riding Season due belle preparazioni su base 883R con evidenti richiami short track. Le sporty nelle immagini, pur sembrando simili, differiscono per alcuni importanti aspetti: mi riferisco a scarico, sospensioni, forcellone posteriore, impianto frenante, manubrio e mascherina frontale. 

Restando in tema, spero di riuscire a mostravi presto la Bettina (la mia R) dopo l'ultimo giro di modifiche (peanut e sella): in queste ore la seduta è, per la terza volta, nelle mani del sellaio per le dovute sistemazioni. L'Odissea al confronto è un libercolo di poche pagine: vi racconterò. 


Il cacciatore di Sportster feat Milano







E quando pensi di averle viste tutte, Milano riesce sempre a stupirti. Percorrevo una nota via commerciale della città, quando dall'altro lato della strada, vedo questa particolarissima sporty: inversione immediata, frontale evitato per un soffio e parcheggio in modalità pantera della polizia. Come da prassi scatto qualche foto e lascio un volantino del meeting: la speranza è che il proprietario abbia voglia di cercare in rete qualche informazione circa il blog e circa il nostro evento. 

Non si può non rimanere colpiti da questa sporty: una modified che ha dalla sua alcune scelte tanto radicali quanto d'impatto. Mi riferisco in particolare alla soluzione adottata per lasciare a vista il pneumatico posteriore: una dimostrazione di assoluto coraggio. Ma tanti sono gli accessori che meritano di essere citati: dai semi manubri RSD, al paramotore, passando per il filtro RC, lo scarico V&H con collettori bendati e il porta luce e targa handmade. Per concludere, sarebbe bello avere qualche aneddoto dall'owner stesso: chissà se leggerà mai questo post. Per quanto mi riguarda, prescindendo dai gusti personali, un ottimo lavoro.










16 aprile 2018

No Words feat Harley Davidson Lodz







Vi ricordo il senso della rubrica No Words. Di volta in volta un post, contente una preparazione su base sporty, ma volutamente senza alcuno scritto a corredo. Non sarete in nessun modo influenzati dalla mia opinione e non avrete informazione aggiuntiva alcuna circa la moto. Sarete voi e solo voi a giudicare, descrivere e analizzare la modified in questione. Proprio i vostri commenti saranno il post vero e proprio. Questo è No Words.

Colgo l'occasione per invitare chiunque volesse collaborare al blog con foto, scritti e rubriche a scrivere a duecilindriblog@gmail.com . . .