31 maggio 2021

PANAMERICA SPECIAL FEAT DUECILINDRI






Non possiamo non parlare di PANAMERICA: nel bene e nel male è la grande novità di Harley-Davidson. In attesa di un test approfondito, magari per Duecilindri Magazine, sabato ho fatto una breve prova grazie al dealer Nicola Papa. Meno di un’ora, ma molto intensa. Una bomba da 140 cavalli dotata di tutti i sistemi elettronici di assistenza alla guida: il look è originale se comparato alle competitor del segmento. Per gli amanti del genere, una possibile alternativa alla solita BMW: mi auguro per i nostri dealer possa riscuotere il successo che merita.  Per chi come me non è abituato a guidare quotidianamente mezzi di ultima generazione, Panamerica non può non sorprendere: confortevole, grintosa, ciclistica incredibile e precisissima in curva. Una moto moderna, curata, potente con tutti i pregi ma anche tutti i limiti del caso. Ho provato la versione Special, dotata di cerchi a raggi, sospensioni anteriori e posteriori semi attive con controllo del carico del veicolo, paramatore, paramani, ammortizzatore di sterzo e molto altro ancora. Se siete alla ricerca o amanti delle maxienduro, non potete non provarla. 

Sui profili social di Duecilindri, troverete anche qualche video

12 commenti:

  1. Una moto molto distante dall'idea di Harley-Davidson che abbiamo (quasi) tutti. Eppure mi incuriosisce al punto che ho già prenotato un test presso il concessionario, al quale arriverà una moto demo. Ma il mio sportsterino non si tocca...

    RispondiElimina
  2. Sicuramente una harley fuori dal coro... Molto diversa dal ns mondo... Ma non vedo l'ora di poterla provare... Ti confesso di avere un po d'invidia nei tuoi confronti per averla già provata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era una demo presso il concessionario e chiunque avrebbe potuto provarla. Sono solo arrivato al momento giusto in cui non c'era la fila :)))))

      Elimina
  3. ho conoscenti che vengono dal mondo maxi-enduro e non da HD che l'hanno provata e ne sono rimasti piacevolmente colpiti il che significa che la moto è ben fatta. Detto ciò ritengo che sarà comunque difficile per il mercato accettarla in quanto i puristi del marchio la schifano e gli attuali possessori di GS o Jap schifano il marchio

    RispondiElimina
  4. I puristi del marchio hanno sempre schifato le HD "nuove"... e nel catalogo attuale non è rimasto nulla che faccia riferimento al passato se non nell'estetica. Praticamente sono rimasti solo due motori (l'M8 e il RevolutionX della PanAm), e tre telai (i nuovi softail, i touring e la PanAm). Il meglio che possa fare la Harley è mantenere un richiamo al passato almeno nell'estetica (vedi la neonata linea Icons); speriamo che i nuovi modelli come la Custom 1250 già annunciata per quest'anno non deludano. Di certo non piaceranno ai puristi, ma tanto ai puristi non piace mai niente, basta guardare le immortali diatribe tra carburatore e iniezione (anzi, ignezzione). Alla fine l'unica moto bella è la propria.

    RispondiElimina
  5. un modello che ha l'importante compito di traghettare HD al di fuori del mondo "custom", verso nuovi mercati più ampi (la LiveWire non la considero, prezzo e categoria troppo di nicchia)

    il prezzo è competitivo, strano ma vero!

    il design è personale: può piacere o meno, ma non ha copiato nessuno (ricordo che anche i fari asimmetrici delle bmw all'inizio fecero discutere)

    la rete di assistenza ufficiale è ben distribuita

    secondo me potrebbe avere un buon successo, se il progetto si dimostrerà affidabile.


    Luca Berlinghieri

    RispondiElimina
  6. Vista la versione base da American Club, la nuova concessionaria HD a Torino insieme a Marco sabato. Nel segmento maxi enduro avrà sicuramente la sua da dire, grazie al nuovo potente motore, alla sua efficacia sulle strade bianche ed al prezzo è assolutamente competitivo. Inoltre spero che utilizzino il nuovo motore per sviluppare altri modelli più in linea con la storia e le caratteristiche del marchio, magari una moto che faccia concorrenza alla FTR di Indian.
    Spendo due parole per concessionaria HD nuova di Torino: sono stati gentilissimi e mi hanno risolto un problema che avevo da anni all'antifurto della Gate!!! Consiglio a tutti e in particolar modo ai piemontesi di farci un giro: veramente disponibili, professionali e gentili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con Andrea, concessionario American Clan di Torino promosso.
      Chissà se con il nuovo motore HD tornerà ad essere competitiva nella gare americane di dirt\flat track?

      Elimina
  7. preferisco la livrea bianco arancio,comunque gran bel mezzo.

    Io che non amo il genere,quando la vidi in foto,sono rimasto sorpreso.
    Completamente fuori dagli schemi HD per ovvi motivi,questa è un altra moto,un altro settore,molto combattuto,ma come in tutte le cose c'è sempre un re,e qui c'è il GS che va nome un treno ed è perfetta sotto tutti i punti di vista,anche per chi la acquista per MODA,e sono tanti.
    Quindi che ben venga la PAN America,che farà storcere il naso agli affezionati,ma le cose cambiano e in fretta,chissà che sia la volta buona che il BAR&SCHEALD non sia associato solo al solito stile che il mondo conosce.
    Sono sicuro che chi non mastica di motociclette,se vede una qualsiasi HD la riconosce subito,e quando si imbatterà in una PanAmerica.......ah!!!è un Harley?

    " preferisco la livrea bianco arancio,comunque gran bel mezzo "

    paolo57


    RispondiElimina
  8. Io non faccio testo. Panamerica mi piace quanto mi piace il gs o il multistrada o tenerè, ovvero meno di zero. Però magari HD ha fatto bene a buttarsi in questo segmento, tanto a noi amanti delle vere harley non tolgono niente.

    RispondiElimina
  9. Panamerica... ok... il mondo è bello perchè è vario... politically correct...
    La mia domandona è: quel motore va bene per una moto da personalizzare in stile chopper, bobber, telai rigidi, club style, jap style, track bike, café racer, racing, scrambler, neo classic, e di tutto di più?
    Giorgio di cantu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me si, dipende tutto dalla bravura del preparatore.
      se riescono a tirare fuori belle special su base bmw K100 (che è un motore abbastanza sgraziato) si può fare tutto!

      Luca Berlinghieri

      Elimina