04 giugno 2018

L'Archivio del Frino feat Gramisia Choppers








Quando si realizza un servizio fotografico, si scattano mediamente un bel numero di foto. Solo una piccola parte del materiale viene però usato per l'articolo: e tutto il resto? La rubrica dal nome L'ARCHIVIO DEL FRINO, di volta in volta e con cadenza che sarà dettata dalle circostanze, conterrà proprio quelle immagini che non hanno trovato, per varie ragioni, spazio su Low Ride. In vero mi piace riproporre anche delle pose edite particolarmente riuscite. 

Dopo i servizi di Mom's Worry e Marina Vox arriva il turno della sporty di Gramisia Choppers. Da anni il piemontese Valentino opera nel settore custom, lontano dalla luci della ribalta se non per qualche sporadica apparizione su riviste e presso alcuni eventi selezionati. Non per questo le sue special non meritano attenzione: per ben due volte le sue moto sono state protagoniste della prima pagina di Low Ride. Mica poco! Ricorderete sicuramente questa preparazione e il relativo articolo: grazie a Marco Frino possiamo gustarcela al meglio. La location autunnale, i colori tenui del paesaggio esaltano ancor più questa splendida sporty.


Who's next . . .




10 commenti:

  1. Trovo molto bella questa rubrica. Ci voleva.
    Tc

    RispondiElimina
  2. Moto pazzesca e foto anche di più.
    la posizione di guida però non mi sembra proprio comodissima.
    Aurelio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rigida e racer.... Difficilmente otterrai una moto comoda, almeno sicuramente non era una delle priorità del preparatore, IMHO...

      Elimina
  3. Molto ben curata.
    Bellissimo il serbatoio benza/olio
    Telaio azzurro e" la morte sua su una preparazione del genere.
    Complimenti stile a go go.!
    Paolo57

    RispondiElimina
  4. Vista dal vivo a Torino con Marco Micellone al Jeep & Harley....
    Spettacolo di moto x soluzioni come il serbatoio sdoppiato olio/benzina e dal colore azzeccato. Unica cosa avrei saldato una coda rigida dietro: i fianchetti svuotati del serbatoio olio le danno la stessa seduta ultralow, ma esteticamente non mi piace la forma del telaio stock, molto meglio, x me, la linea delle rigide. Gran special, comunque con scarichi assassini (sembrano collettori ao quali siano stati dimenticati i terminali!!) e codino opera d'arte che richiama vecchie racer del sol levante.....
    Le foto sono spettacolari: onore a Marco!!

    RispondiElimina
  5. Moto stupendamente rasoterra e foto magnifiche. Le foto parlano da sole, non aggiungo altro!!!

    RispondiElimina
  6. La moto mi piace molto, anche se modificando il telaio al posteriore così facendo eliminando gli ammortizzatori posteriori si rimuove uno dei segni distintivi di una Sportster, ma questo è un mio parere.
    Le foto sono stupende atmosfera autunnale con vialone alberato (sembra il tipico vialone da cimitero) davvero molto bella complimenti per le foto!!!
    Michael

    RispondiElimina
  7. Foto di livello come sempre!! Moto molto bella con una linea molto particolare e la posizione di guida praticamente dentro il telaio.
    Gian Marco

    RispondiElimina