07 febbraio 2018

Some beauty pics about meeting







Splendidi questi scatti che ritraggono i nostri cugini giapponesi all'ingresso di un ritrovo only for sporty: l'obolo richiesto sotto forma di offerta libera, credo garantisca ai partecipanti un qualche gadget ricordo e agli organizzatori almeno un rientro minimo. Visto che al meeting scorso non siamo neanche riusciti ad andare in pari con le spese, forse sarebbe il caso di fare anche noi qualcosa di simile? Si vedrà . . .




17 commenti:

  1. L'anno scorso ho preso il kit ma ricordo che avevi scritto di tanto materiale non venduto perchè molti non hanno preso neanche una patch. Credo che la formula di un offerta libera non obbligatoria all'arrivo per avere patch, foto, numero per contest sia una bella idea. Anche fossero cinque euro di offerta almeno sareste quasi certi che non vi rimangano sul gobbo. Per me si. Tiziano da Como.

    RispondiElimina
  2. Sono d’accordo con Tiziano, l’offera all’ingresso ci sta, di sicuro non si muore mica di fame per 5€ in meno che hai in tasca!!!
    Tornando alle foto, ho avuto un colpo di fulmine per la 1200 Roadster ritratta nella 3ª foto, scarico bellissimo ma ciò che mi piace di più è l’upgrade fatto all’impianto frenante anteriore dischi con profilo a margherita e pinze (sembrano Brembo), nulla di eclatante ma devo ammettere che mi ha colpito per la sua semplicità, ma sopratutto per le modifiche “utili” apportate dal suo proprietario!!! Molto bella!!!
    Michael

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sembra una moto di Tramp, osservando scarichi, filtro s&s e upgrade freni.... Molto bella

      Elimina
  3. Sbaglio o nella 4a foto c'e' l'Enrico nipponico? Buell Uly e pelle nera!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 😂😂😂😂😂 vero Andrea , ma decisamente più carico di borse della mia 😉

      Elimina
  4. io invece sarei per una quota minima fissa per tutti, i famosi 5 euro, così non si fanno differenze e commenti fuori luogo (io ho dato 10, tu hai dato solo 5, eccetera).
    poi chi vuole sostenere la manifestazione con qualcosa in più, può prendere magliette, cappellini, e gadget vari.

    RispondiElimina
  5. COME GIA'DETTO IN QUALCHE VECCHIO COMMENTO , I JAPAN SONO I NUMERI UNO.
    PER IL MEETICO MEETING , SE SERVE , UNA QUOTA FISSA CREDO SIA LA SOLUZIONE MIGLIORE.

    RispondiElimina
  6. Quota di 5€... Penso che sia onesto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maglietta arancione.... Rimane il top

      Elimina
    2. Concordo con per i 5€...
      Gian Marco

      Elimina
    3. Sono d'accordo per quota 5€...
      Roberto

      Elimina
  7. Spero di non dire cose oltre la ma competenza ma credo ci siano una serie valutazioni, anche da un punto di vista legale e fiscale che non sempre vanno a braccetto.
    Il fatto credo sia che questa passione che Paolo ha riversato nel blog da cui nasce questo evento che si sta consolidando negli anni risente del fatto di essere su base volontaria e di non prevedere una rigorosa organizzazione e gestione “ufficiale” con marchi registrati (dico magari delle inesattezza) ticket di ingresso ed altro, per cui la questione volontaria della quota potrebbe derivare dal fatto appunto di non essere ufficiali e di aver incassi e registri e conti. Io credo sarebbe onesto che tutti i partecipanti liberamente “costretti” ah ah ah versassero 5€ con patch e adesivo incluso ma posso testimoniare che nei fatti molti hanno chiesto ma una buona parte allo stand del merchandise alla fine per pochi euro in più non ha acquistato accessori, forse non capendo che non si trattava di farne un guadagno ma di compensare le spese ....
    Io, come altri “membri interni” ci siamo comprati i vari berrettini e magliette mettendo i soldi in cassa 👍🏻

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 5 euri di contributo a tutti con 1 adesivo o una patch mi sembra una soluzione giusta.sono stati ad altri raduni dove si doveva versare ben altre cifre x maglietta ingresso e piatto di pasta birra......

      Elimina
  8. A me piace la sporty nell’ultimo scatto con cupolino e 2-1

    RispondiElimina
  9. Offerta all’ingresso?
    Mi sembra giusto riconoscere a Paolo l’enorme sforzo e passione che mette nel meeting. E che mise anche nei run.
    Ci sto.

    RispondiElimina