10 marzo 2020

LE TOP 100 PRIMO BIMESTRE FEAT SPORTY NON PERVENUTA




Si ringrazia Lou Ribs per la segnalazione

Pochi giorni fa è stata svelata la classifica ufficiale delle 100 moto più vendute del primo bimestre del 2020 (VEDI LINK). Si segnala una tendenza positiva del mercato delle due ruote; questo è un bene. Dopo aver dato un'occhiata alla lista, non posso non fare alcune considerazioni a riguardo, premettendo di non essere uno di quelli che apprezza solo le sporty a carburatore (ne posseggo una a iniezione e la trovo strepitosa) e neanche uno di quelli che demonizzerebbe l'avvento di un nuovo motore raffreddato a liquido, se esteticamente decente. Non è un problema di emissioni ma di scelte.

👉Noterete nelle prime posizioni una massiccia presenza delle Tourer_Enduro_Stradali: BMW R1250GS,  Africa Twin 1000 R1250GS Adventure, Multistrada. A questo proposito forse Harley Davidson non sbaglia a cercare di inserirsi in questa fetta importante di mercato, considerato anche quanto segue. Prima tra le americane, in cinquantatreesima posizione (si avete letto bene, cinquantatreesima) il LowRiderS, seguito da Sport Glide (N.61) e Street Glide (N.69). Per la prima volta da anni non vi è traccia di uno Sportster®, solitamente presente con non meno di due o tre modelli. 

👉Di certo Iron e Forty-Eight pur essendo moto bellissime e iconiche patiscono il passare del tempo: da oltre dieci anni sono in listino uguali a se stesse, salvo qualche cambiamento marginale. Il Roadster, che amo molto, non ha un appeal capace di attirare grandi consensi. Tra i cento modelli della campagna More Roads, perché non inserire una dirt_track_city, una scrambler o più semplicemente, sulla falsariga di Bmw o Indian, una Sportster®  basic ma che possa essere allestita in più configurazioni.

👉Davvero non mi capacito. Vi dirò di più; nell'ottica di fare qualcosa di diverso, non mi sarebbe dispiaciuta una moto esteticamente simile alla LiveWire ma dotata di un bel motore 1200cc e sospensioni Roadster. Altra opzione quella di riproporre in chiave moderna alcune icone del passato (tipo Mini e 500 per le auto e Scrambler e XT per le moto): provate ad immaginare una versione 2.0 della XLCR o XR1000. Se fatte in maniera credibile (con tutte le modernità del caso) sarebbero fighissime dal mio punto di vista.

👉 Di certo, qualcosa deve cambiare se vogliamo che il mito continui ad esistere. Anche in merito agli accessori si dovrebbe aggiustare il tiro: meno fregi, teschi, cover inutili e magari puntare su kit completi specifici per rendere davvero unico il proprio sporty.

L'assenza, per la prima volta, di uno sporty tra le 100 moto più vendute mi fa davvero paura: forza Motor Co, facci sognare.



Sono proprio curioso di sapere la vostra opinione in merito: motivi e rimedi.



23 commenti:

  1. il discorso è semplice...chi spende quasi 12000 euro per uno sporty se con 2000 euro di più ti prendi un softhail standard? nessuno. Per quanto riguarda la rivisitazione di vecchi modelli iconici la vedo durissima...erano davvero prodotti di nicchia con pochi estimatori al di fuori degli USA, nascerebbero morti. E' dura dirlo ma HD sta volgendo al termine(ancora), ha voluto investire in campi non suoi e sopratutto ha snobbato i vecchi estimatori del marchio per andare a caccia di nuovi clienti e questo non ha pagato. Se parliamo di "nuovo" è chiaro che un'HD oggi come oggi se la compra solo chi ama il marchio da anni e non uno qualsiasi che si alza una mattina e decide di "buttare" 15.000 euro per una moto che tecnologicamente parlando è indietro anni luce rispetto ad un qualsiasi concorrente. L'amante del marchio vuole acciaio e cromature dove servono non plastica e led (che ti fanno pagare come acciaio e cromature)....Poi mettici anche che la HD per fortuna/sfortuna ha fatto modelli longevi che girano ancora uguali a se stessi dopo 30 anni e ti ritrovi con la tempesta perfetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io tra un bel forty eight e un softail standard a 2000 euro in più preferisco sempre e cmq il primo. Non è una questione di soldi la scelta di uno sportster. Molte sporty che si vedono in giro sono costate quanto uno street glide. Il blog insegna.
      TC

      Elimina
    2. che centrano le Sportster modificate? lo sa anche mia nonna che ce ne sono in giro modificate che se fai la somma delle spese ci compri un'Ultra. Qui si parla di modelli nuovi e la differenza tra una 883 e un softail è ridicola. Poi è ovvio che se ti piace lo Sporty ti compri quello...ma la legge dei numeri da ragione a me

      Elimina
    3. ah...tra un 48 e un softai non ci ballano 2000 euro ma 1200

      Elimina
    4. Sinceramente anche se costassere uguale il 48 e Softail base nuovo prenderei cmq il 48...

      Elimina
    5. quella è solo questione di gusti e visto dove ci troviamo era anche scontato ma c'è un altro mondo la fuori

      Elimina
    6. lo abbiamo detto più volte che HD avrebbe dovuto investire in progetti tipo modern classic allo stesso modo di triumph o anche ducati e bmw, e ne avrebbe potuto godere invece mi tocca invidiare la ftr 1200 della indian

      Elimina
  2. bisogna fare come Talamo .Lui proponeva un sogno e un modo di vita .mi ricordo che nel suo negozio guardavo le moto e leggevo le sue poesie sulle vetrina . Poesie di liberta' con le nostre Harley .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido: Carlo ha reso pregi i "difetti" del marchio americano, chiamando le moto del bar&shield al di fuori dei fenomi passeggeri e di mode del momento.... Cosa che invece oggi la MoCo ricerca, scopiazzando modelli affermati come il GS o le elettriche, ma con moto brutte e dai costi elevatissimi... Se solo HD tornasse a fare quello che i loro clienti vogliono e si aspettano da loro!!

      Elimina
    2. Talamo oggi durerebbe come un gatto in tangenziale...i tempi sono cambiati, tutto si muove alla velocità della luce e sempre tutto sparisce con un semplice click. Il fatto che citate proprio lui dovrebbe farvi capire di cosa stiamo parlando ovvero di roba vecchia 40 anni. HD aveva l'immagine della "moto per sempre" ed era legata ad una certa "filosofia di vita" (termine che mi fa ridere tutte le volte che lo sento tra l'altro), oggi invece puzza di vecchio e basta. Avrete anche voi discusso con gente che ha GS, Ducati o altro, giusto? e cos'è che vi dicono? che compreranno HD solo quando saranno abbastanza vecchi da non potere più andare in moto!!! ormai l'immagine è quella e ora è inutile che mi "svecchino" il marchio facendo modelli che non compra nessuno, per me dovevano andare avanti per la loro strada ovvero fare moto custom fatte bene ma a prezzi umani e mettersi nella posizione predominante nel settore il che voleva dire vendere meno degli altri ma almeno era garantita la sopravvivenza del marchio cosa che oggi non è così scontata

      Elimina
    3. Durerebbe come un gatto in tangenziale? Tutti quelli che hanno (e amano) una HD sposano al 100% questa filosofia che "puzza di vecchio e basta", gli altri comprano Bmw e Ducati o giappo.... Sono troppo giovani e "la page" per la poesia di un aste e bilancieri. Grazie Dio che non mi hai fatto come loro!!

      Elimina
    4. ma guarda che io la penso come te altrimenti non sarei qui a discuterne. La mia è voluta solo essere un'analisi della situazione vendite attuale e voler dare una spiegazione al crollo di HD e credo di non esserci andato lontano....anzi

      Elimina
  3. Crisi economica, moto meno curate, tra le sportster manca un modello "di rilancio", ma bello e fedele alla tradizione. Se uscirà una nuova gamma a liquido con ancor meno personalità e la fine.

    RispondiElimina
  4. Bmw e Indian propongono un modello con vari allestimenti, dirt track e scrambler e noi stiamo a guardare pur avendo il modello piu figo di tutti. Non capisco. peccato

    RispondiElimina
  5. Sicuramente la sofferenza è più legata alla crisi profonda dei modelli custom, il cliente di oggi è attirato da modelli polivalente per fare turismo veloce ecc...
    L'anomalia HD è proprio relativa agli sportsters, aveva un motore moderno potente e di qualità quello della XR1200, potevano pensare ad una piattaforma unica e creare una cafe racer, una scrambler, una un po più accessoriata e carica per fare un minimo di turismo .... e magari una versione speciale limitata short track.....sogni sogni...ed invece rincorre settori stra consolidati e dominati con progetti già obsoleti...

    RispondiElimina
  6. Mah vedere fuori dal top 100 lo Sportster fa un certo effetto, concordo con il pensiero di Gaetano sulla linea presa da HD, vedremo se proporranno una nuova gamma Sportster e se sarà almeno legata stilisticamente al modello odierno.
    Gian Marco

    RispondiElimina
  7. Il fatto che nella top 100 (primo bimestre) non ci sono sportster è una notizia molto brutta. Soprattutto considerando le scelte (a mio parere) sciagurate fatte della Motor Company negli ultimi anni, molto votate a seguire in modo miope il mercato.
    Qualche giorno fa ho letto che Harley Davison ha effettuato un cambiamento al proprio vertice e da aprile avrà un nuovo presidente/CEO. Sarà Jochen Zeitz (tedesco), già nel cda della Motor Co. e uomo chiave del progetto LiveWire.... mi vengono i brividi....
    Secondo me le harley davidson vengono comprate per quello che rappresentano: uno stile di vita da "ribelle". E la cosa bella è che anche se non lo sei un ribelle, quando guidi un harley davidson il gusto di quello stile di vita un pò lo riesci a sentire.
    Come è già stato detto sopra da un lettore del blog, anche secondo me ci vorrebbe un nuovo Carlo Talamo, uno che riesca a ricreare un forte "sogno" intorno al "ferro". In un contesto del genere credo che lo sportster sia un modello che può dire ancora molto.
    Giorgio di cantu

    RispondiElimina
  8. Il fatto di cercare di entrare in mercati nuovi ci può stare ma la linea classica deve rimanere tale. Iron e 48 non possono fare tutto da sole. C'è bisogno di qualche nuova idea.

    RispondiElimina
  9. Per pochi euro in più Softail standard, tutta un'altra storia!
    Graziano Bonneville

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo proprio. Io 48 sempre e cmq

      Elimina
  10. Secondo me il griso ha centrato perfettamente il problema.

    RispondiElimina
  11. il protetto livewire per me era troppo ambizioso ,la streetfhighter forse ci poteva anche stare ma un progetto non può restare un prototipo in una bacheca per tutto questo tempo.
    la più verosimile sarebbe stata una moto per il turismo "avventuroso"... se non avessero progettato un cesso....

    RispondiElimina
  12. anche il prezzo di una "entry level" come le sportster. (TUTTI NOI LE APPREZZIAMO INDIPENDENTEMENTE , MA ALLA FINE QUESTA E' LA CARATTERISTICA DELLA FAMIGLIA SPORTY RISPETTO SOFTAIL ETC...)per il pacchetto tecnico limitato in paragone con competitor sul mercato non ci sta ...

    RispondiElimina