19 dic 2014

Hills race 2014 - Sportster modificata!





Vi presento quest'oggi una bella preparazione su base sporty, scovata al bike show indetto da Low Ride durante l'ultima edizione dell'Hills Race di Rivanazzano.

Fin dal primo sguardo e senza averne la conferma possono affermare che la suddetta XL è passato sotto le grinfie di Andrea Redaelli alias Radikal Chopper, noto ormai per le sue parti in ottone e materiali di pregio.

Notare il barilotto dell'olio, il fanale a lente gialla, il manubrio artigianale con risers integrati . . . .una sporty che ha il suo perchè!

Vi chiedete il senso di sostituire il serbatoio dell'olio originale con uno handmade? . . . sinceramente non saprei cosa rispondere, credo sia solo una mera questione estetica.

Complimenti!!!


7 commenti:

  1. Bella anche se mi lascia perplesso la posizione del serbatoio, secondo me fa perdere un po' di continuità alla linea della moto.
    Marco

    RispondiElimina
  2. È una bella preparazione, pulita e curata.Il manubrio peró non mi piace e il posteriore è un po' banale (in rapporto all'originale soluzione del serbatoio olio.)

    RispondiElimina
  3. Promossa! Il posteriore se non si vuole escludere del tutto un passeggero rimane per forza un po' "banale" anche se lo preferisco definire semplice. Questa avrà un sellino a ventose in box :D
    Il resto è bellissimo, dal colore ai particolari. Il serba olio è molto old school come il faro e le finiture, il manubrio esagerato ma in fondo ci sta.
    Mi ha convinto a montare il Firestone anche all'anteriore!
    voto 9
    Polv&

    RispondiElimina
  4. La trovo bellissima!
    M.

    RispondiElimina
  5. Lavoro bello e pulito.........
    personalmente non mi piacciono i serbatoi rialzati su nessuna preparazione.
    faro anteriore di gran gusto.
    manubrio originale nelle forme.
    promossa .
    Paolo57

    RispondiElimina
  6. Il serbatoio é proprio così, ha il canale poco profondo!!Redaelli é il migliore sulla piazza, lo conferma il gran successo all'ultimo eicma.

    RispondiElimina

SHARE THIS