29 gennaio 2021

SPORTSTER SPECIAL E IL DUBBIO AMLETICO





E' stata osannata sul web, alcuni siti l'hanno definita la special su base sporty dell'anno. Forse sono io a non cogliere in toto la bellezza di questa preparazione. Non discuto, siamo al cospetto di una gran bella racer, ma per i miei gusti c'è qualcosa che stona. Lo confesso, non ho mai apprezzato molto il vuoto che si crea dallo spostamento dell'alloggiamento della batteria e del serbatoio dell'olio. Perchè posizionarlo nel puntale o nel codino? Perchè rischiare di sbilanciare il mezzo distribuendo i pesi in maniera diversa? Non trovo sia una miglioria dal punto di vista estetico. Quale il senso di tale modifica? Se provo ad immaginarla senza questo "svuotamento" già il mio giudizio cambierebbe drasticamente. Lascio a voi lettori, spesso più bravi del sottoscritto nell'analizzare una moto, i commenti del caso.

16 commenti:

  1. Concorso pienamente. Il vuoto centrale del telaio è anti estetico e ho anch'io grosse perplessità sulla distribuzione dei pesi. Un esercizio di stile, più che altro. Personalmente preferisco altre preparazioni. L'Heroica di HD Parma era senz'altro più bella.

    Giorgio B.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L’Heroica di H-D Parma è spettacolare!!!
      Per me, tutt’ora, la preparazione su base sporty meglio riuscita

      Elimina
    2. Heroica la più bella cafè su base Sportster che ho mai visto personalmente.

      Elimina
  2. In merito a questa preparazione; nel complesso mi piace è il vuoto nel telaio, in questo caso non mi dispiace, e poi a dirla tutta, anche stock, le H-D non sono conosciute per avere un’ottima distribuzione dei pesi. Detto ciò, la sport in questione mi piace, tranne che per il colore quello jjj ok n mi convince proprio, forse se avessero scelto il medesimo colore ma pastello sarebbe stato meglio, ma questi sono gusti personali

    Michael

    RispondiElimina
  3. io la trovo un'ottima preparazione, molto curata.

    per chi contesta il "vuoto", andate a dare un occhio alle moto da pista degli anni '70.
    spesso lì erano anche loro senza nulla. alla fine è una zona del telaio che deve solo sorreggere la sella e l'attacco ammortizzatori. con il tempo e l'evoluzione si è riempita di tutte quelle parti che non si sa più dove mettere in una moto moderna.

    la particolarità della preparazione è anche quel "vuoto", se avessero lasciato serbatoio dell'olio e batteria sarebbe stata una racer come se ne sono già viste altre.

    Luca Berlinghieri

    RispondiElimina
  4. Colore che ricorda le vecchie Kawasaki anni 70, soluzioni che riprendono le moto di quegli anni, come il vuoto sotto la sella con spostamento nel puntale del tank dell'olio motore. Realizzata sicuramente bene, questa cafè però personalmente non mi entusiasma più di tanto. Lo scarico che sembra rubato a una naked, il filtro ovale di serie e le luci e frecce ultramoderne cozzano con lo stile seventies della moto, IMHO.
    Bellissimi e sportivissima i cerchioni (in carbonio?) e fuori tema anche la puleggia della cinghia posteriore: una cafè così classica merita una conversione a catena.

    RispondiElimina
  5. La disamina di Luca è sicuramente corretta e precisa. Tuttavia parlando di gusti personali a me non piace. Proprio quel vuoto tanto discusso non la rende armonica. Ma probabilmente non era proprio questa l'intenzione del customizzatore...
    Comunque molti particolari stupendi...

    Alfred

    RispondiElimina
  6. per essere estremisti......ci sono dei punti fermi che non si possono spostare
    se deve essere Cafè Racer deve essere Triumph,Italiane ed Europee e in fine le giapponesi.La Sportster,che per natura nasce Custom, la si è vista in mille salse per tutti gli stili,ma quello che meno gli si adatta è Cafè racer e Off Road .
    Questa è fatta bene,ma alcune scelte dal mio punto di vista non mi piacciono.
    Cerchioni e finale scarico troppo moderni,avrei preferito cerchi a raggi e 2 finali cromati corti.
    paolo57

    RispondiElimina
  7. Non so dire perchè, ma non mi piace. Sicuramente fatta bene, ma non mi piace lo stesso.
    Sembra un motore Sporty messo dentro un'altra moto.

    RispondiElimina
  8. A livello estetico, secondo me non è tanto il vuoto sotto la sella quanto il terminale dello scarico che è un pugno in un occhio.
    Giorgio di cantu

    RispondiElimina
  9. sarò strano io è, ma tutte quelle preparazioni che vogliono far diventare una moto quello che non è le trovo solo uno spreco di tempo e di denaro.

    RispondiElimina
  10. A me non piace per niente e mi trovo in accordo con i commenti di Paolo57 e Marco M, era meglio stock!!!!
    Gian Marco

    RispondiElimina
  11. Uno sporty conciata come una racer europea degli anni '50??? Ma per favore!....
    Sui vuoti posso dire che li apprezzo solo sui chopper

    RispondiElimina
  12. Non sono mai stato un gran fan di Harleys. Biella ha dimostrato che possono essere divertenti. Poi si, ci sono alcuni modelli (pochi) che mi piacciono. I tourer all’americana non sono il mio forte. Quello che mi piace però sono i bicilindrici sportivi. Questa la trovo carina e sportiva. Un po’ all’italiana, molto curata, sicuramente un bel rombo. Non vedo nessuna ragione perché non possa avere buona tenuta e buona frenata. Lo spazio vuoto sotto la sella si, stona un po’, ma non è’ perché la batteria e’ stata semplicemente rimossa? Dovrebbe essere facile riportarla dove era o più semplicemente coprire lo spazio vuoto con dei laterali di lamiera o plastic ma, dopotutto, e vista la dinamica della moto, non sarà’ che sia stata tolta per questioni di peso?

    RispondiElimina