05 gen 2017

A caccia di XL feat Before/Now


NOW

NOW

NOW

BEFORE




C'è una storia dietro a questa sportster modified milanese; in origine di proprietà di un conoscente, completamente votata al cafe racer style viene messa in vendita poichè il proprietario (possessore anche di altre moto) si ammala di shovel mania. 
Le dedicai anche un post in passato ed ebbi il privilegio di testarla su strada.
Purtroppo, se dal punto di vista estetico la sporty era di pregevole fattura (colorazione a parte), l'accoppiata semi manubri-pedane arretrate rendeva la guida troppo caricata sui polsi, provocando un indolenzimento agli stessi dopo pochi minuti.
Tanti i pezzi Storz; codone, pedane e serbatoio (proprio il codone è quello che ora giace nel mio garage).

La storia continua . .  .le Officine Mermaid di Milano si prendono in carico la questione della vendita e dopo qualche tempo la cafe racer trova un proprietario, il quale decide di stravolgere l'estetica (foto NOW) e portarla su lidi tipicamente scrambler.
Il risultato in sè (made by Officine Mermaid) è anche di pregevole fattura, ma il solo pensiero di cosa era prima questa sporty, rende il mio giudizio molto più severo.
Personalmente non avrei mai toccato questa moto, al massimo le avrei regalato una nuova e più particolare colorazione e montato un manubrio più comodo.

Stay tuned . . . 






11 commenti:

  1. Peccato aver cambiato questa racer, sarebbero bastati i due tocchi citati dal blogger per renderla speciale.
    In effetti la colorazione del before non esaltava per nulla la preparazione.
    tc

    RispondiElimina
  2. Paolino, sono pienamente d'accordo, prima era tutta un'altra storia.
    Pejo

    RispondiElimina
  3. ...se non avessi visto la moto com'era prima l'avrei anche promossa.
    Il codone bel colpo.
    Mauro

    RispondiElimina
  4. Eustachio Caporusso5 gennaio 2017 14:00

    Beh, senz'altro la nuova versione è più comoda. Il bello dello sportster è proprio il fatto che può essere reinterpretato in qualsiasi stile e "funziona" sempre, unica moto al mondo secondo me.

    RispondiElimina
  5. Anche se non sono generi di mio gusto... Avrei preferito sicuramente la prima per carattere e originalità... Sa seconda versione... La considero un po' snaturata.... Anche le la verniciatura mi piace...

    RispondiElimina
  6. Preferisco la prima versione anche se la grafica era un pò spenta, adesso non mi piace proprio!
    Gian Marco

    RispondiElimina
  7. La versione cafe racer è piu accattivante,la versione scrambler è un po comune,preferisco una sportster un po meno comune, magari con una colorazione e un filtro diverso.

    RispondiElimina
  8. Prima era una bel CR, oggi è una banalissima scrambler, neanche originale (TPR)
    Originali si è, non si diventa.........
    Andrea

    RispondiElimina
  9. Mi aggrego a chi dice "meglio prima" era un po' trascurata, ma con una bella pulizia e qualche ritocco sarebbe diventata una racer coi fiocchi io avrei lasciato il motore del colore originale!!!
    Ma se il proprietario ha deciso di trasformala così succede che prima non gli piaceva, quindi rispetto la sua scelta!!!
    Michael

    RispondiElimina
  10. Mmmm meglio prima anche secondo me, anche perché penso glelii abbiano chiesti 2 euro per la rivisitazione in chiave scrambler

    RispondiElimina
  11. Mhhhh.... non so, sinceramente la trovo un po troppo in stile Triunph. No non mi piace

    RispondiElimina

SHARE THIS