30 lug 2015

La sporty modified di Pino!










A volte ricevo le immagini delle vostre sportster senza purtroppo alcuna riga di accompagnamento, che si traduce nel non poter fornire alcuni dati importanti come modello d'origine, marca dei pezzi usati e curiosità. Questo è uno di quei casi; so solamente che questa sporty è quella di Pino, che tutto is made by himself and his friends e che negli ultimi due anni ha subito già un paio di restyling.



Questa l'ultima versione, che sia quella definitiva non ci è dato saperlo, ma vi assicuro che anche la precedente (con la carrozzeria di blu vestita) era degna di nota. Guardiamo le immagini: una sporty molto bella, particolare e originale, questo è fuor di dubbio, peccato solo non averla vista dal vivo al nostro run di maggio. Come definire questa preparazione è un aspetto secondario; osservate il cerchio lenticolare posteriore a contrasto con quello a raggi anteriore, il barilotto dell'olio e il manubrio handmade, come anche i collettori e il finale adattato.


Taglio supporti e parafango ridotto all'osso, fanaleria e peanut aftermarket . . .e la lista potrebbe continuare ancora per un bel pezzo. Nota particolare alla "colorazione" ad effetto ruggine della carrozza (tipicamente old school) che si contrappone a quella più moderna e "accesa" di cerchio e profilo. A qualcuno forse il fluo verde potrà sembrare "troppo" ma per me è un punto a suo favore; talvolta vale la pena rischiare.


Complimenti a Pino; una sporty con tutti gli attributi del caso!





Stay tuned.


17 commenti:

  1. Una sporty di fortissimo impatto estetico infatti quando l'ho vista al cruisin rodeo ho passato 10 minuti ad osservarla nel minimo dettaglio non ostante potrebbe apparire come rat bike devo dire che non è proprio così tutte le parti hanno un loro preciso senso e sono tutte abbinate benissimo!!! Complimenti a Pino!!!
    Michael

    RispondiElimina
  2. Ha pure i laggi delle scarpe in tinta con cavi candele!!!!!! Viola lilla........fortissima!
    Paolo57

    RispondiElimina
  3. degna di nota l'assenza del freno anteriore!!!!pazzo
    Pejo

    RispondiElimina
  4. tanta personalità
    Bandito7

    RispondiElimina
  5. Onestamente non avrei il "coraggio" di farla così . . .ma apprezzo davvero molto lo stile. bravo Pino.
    Tc

    RispondiElimina
  6. Grandissimo Pino, complimenti per l'esecuzione e per l'originalità del tuo ferro, bellissimo. Ho solo 2 domande. 1: senza freno all'anteriore devi adottare particolari accorgimenti di guida? ( tipo distanze di sicurezza molto aumentate ecc). 2:ma al posteriore sono barre rigide, o si cela una molla sotto la cover? Ciao, Andrea GATE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Son barre rigide! ;)

      Edo

      Elimina
    2. Sono ammortizzatori originali privati delle molle, quindi in pratica barre rigide.
      Però la cosa figa è che quando la alzi con il ponte la moto grazie ai pompanti si alza banditi spazio per lavorare :)

      Elimina
    3. Ciao andrea, ti assicuro che anche se sembra da pazzi, la presenza del freno anteriore non è fondamentale (con questo non voglio dire che è meglio toglierlo, anzi) Logicamente bisogna essere abbastanza esperti e capaci di prevedere ogni imprevisto. in qualunque caso, le Harley un po datate sono dotate di un freno assurdo anteriore, infatti si tende sempre ad usare il posteriore. Io ho un Heritage e per un anno non ho montato il freno anteriore, e ti dico la verità, non ne ho sentito poi l'esigenza (ho fatto milano roma, milano Senigallia, senigalia croazia, crozaia milano)
      e ti assicuro che io e Pino non andiamo Piano Piano :)
      ora non mi massacrate

      Elimina
    4. Grazie per la risposta, bella l'idea dei pompanti privati di molla, un bel modo per avere delle barre rigide a costo zero o quasi... per il freno anteriore te lo chiedevo perché anch'io ( sebbene sulla mia GATE c'è l'ho montato) lo uso pochissimo, però e anche vero che in alcuni casi ringrazio di averlo avuto (leggi come vecchio rincoglionito con SUV enorme che non mi ha dato precedenza, bxxXXxxo!!!). Massimo rispetto per questa vostra scelta coraggiosa e spero che non incontrate mai il suddetto vecchio suvvizzato!!;) Ciao Andrea GATE

      Elimina
  7. Anch'io non avrei il "coraggio" ti farla così la mia moto però credo proprio che rispecchi la personalità del suo proprietario e così deve essere.
    Marco

    RispondiElimina
  8. Non sapendo com'era prima non possiamo dire che ha avuto coraggio....Non penso abbia trasformato così una Sporty fiammante, magari aveva tra le mani una moto stra-vissuta e invece di riportarla al nuovo ha optato per creare una special supervintage..


    Secondo me è di grande effetto, ha quasi il fascino di un vecchio shovel.....ha osato togliendo il freno e mettendo il fluo, gli ha dato l'aspetto di una rat pur essendo a modo suo molto curata..

    Dal vivo al Riding si è fatta notare....per me è decisamente un gran bel ferro!


    Non mi convince lo scarico 2-1 adattato, preferirei delle drag nere opache


    Polv&

    RispondiElimina
  9. Una moto così bella non può avere dei cerchi così brutti; sembra che abbia dato il fondo antiruggine in attesa del colore definitivo.

    RispondiElimina
  10. Io la conosco molto bene, quando l'ha acquistata era quasi originale, tutti i lavori sono stati realizzati nel box di casa.
    Per la guida vi garantisco che nonostante l'assenza del freno anteriore è proprio dura stargli dietro !
    Ciao

    RispondiElimina
  11. Ciao, vi racconto io un po' la storia di questa moto... comprata in condizioni quasi perfette e originale, unica pecca praticamente presa in scatola di montaggio perché il vecchio proprietario voleva fare una cafè racer. Monta copricerchi moon posteriore, serbatoio olio modificato, sella bilwell, cover filtro poin e derby con disegno coordinato, manubrio chopper work con acceleratore interno, faro anteriore di derivazione fendinebbia maggiolino. Come detto da qualcuno, in apparenza ha uno stile rat, ma si nota tanto la cura maniacale di ogni elemento, i cerchi verde fluo danno quella nota tipico del mondo hotrod. nell'anteriore si è cercato di creare l'essenziale e lo si nota dalla totale pulizia (via tutti i cavi e pulsanti). Come detto da Davide qui sopra (uno della Nostra combricola) i lavori sono stati fatti tutti Home Made. Come ha detto paolo, questa moto ha già subito dei restyling in poco tempo, quindi non vi affezionate perché è già in work in Progress :)
    Grazie Paolo e a tutti i membri di questo Blog
    Luciano (amico Pino)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SEMPLICEMENTE STUPENDA!!!!!!
      Complimenti a tutti voi!
      nano71

      Elimina

SHARE THIS