13 dic 2016

Sportster Storz Numero Uno feat Evergreen!











Ci sono preparazioni sporty che ho sempre guardato con occhi languidi; una è ovviamente la short track stradale trofeo fine anni novanta, l'altra è questà cafe racer Storz bike realizzata sempre dallo staff di Numero Uno Milano dell'epoca d'oro di Carlo Talamo (coincidenza?).

Codone, tank e pedane arretrate dell'azienda americana e un trittico di colori (rosso/cromo/nero) a contrasto riuscitissimo; un drag bar con riser leggermente più lunghi, parafango anteriore con stecche, comandi al manubrio mininal e la special è servita.

Vi confesso che ogni tanto sogno di farne una replica, visto che il medesimo codone Storz giace appeso in garage da tempo; adesso capirete il motivo per cui se dovessi trovare un Supertrapp due in uno a buon prezzo, non esiterei a prenderlo.

Alla fine sognare non costa nulla, anzi i sogni aiutano a vivere meglio come diceva Gigi Marzullo.
Di certo, se dovessi mai replicare questa sporty, modificherei la seduta in modo tale da non dover tagliare i supporti, non cromerei il tank e alzerei un poco il posteriore.

In sintesi: una preparazione che non sente il passare del tempo . . .sempre attuale e affascinante.

Ricordate . . .un classico non tramonta mai . . . 


Stay tuned!







8 commenti:

  1. STUPENDA, NON LA CONOSCEVO.

    RispondiElimina
  2. Bisogna prendere spunto da moto come queste...
    nano71

    RispondiElimina
  3. Per gusto personale avrei fatto il parafango anteriore rosso per abbinarlo al posteriore 3 colori diversi non mi piacciono!!! Non ostante questo, sia moto che auto sono molto attuali nelle forme!!!
    Michael

    RispondiElimina
  4. Molto inglese ma molto bella! Concordo con Michael per uniformare il colore di codone e parafango.
    Gian Marco

    RispondiElimina
  5. Poche e saggie modifiche, rendono questo Sporty, attuale, come quando Carlo lo ideò!
    Tante bellissime preparazioni, ma queste, non cedono il passo a quelle che verranno...
    Andrea

    RispondiElimina
  6. Mi affascina vedere quanto le Harley (ed in particolare le Sportster) non passino mai di moda...

    RispondiElimina
  7. Sinceramente al primo sguardo mi ha lasciato un poco indifferente.... poi visto l'entusiasmo di Paolo sono entrato nel dettaglio e mi sono messo a visionare bene le foto. Beh effettivamente un gran bel mezzo di quelli che non vedi in giro tutti i giorni, della quale apprezzo molto la miscelazione dei colori e il tank.
    Bella e bravo Paolo per questa pubblicazione.

    RispondiElimina

SE HAI TROVATO INTERESSANTE QUESTO POST CONDIVIDILO!