22 giu 2016

Sportster 48 feat V ROD











Il mondo è bello perchè vario, dice un noto detto!

Osservo questa sporty modified, di provenienza giapponese, e per associazione di idee, mi viene in mente un V rod.
Forse il cupolino, forse il puntale "simil radiatore", forse la tonalità scelta per la verniciatura o forse per l'insieme di questi elementi.
Sono fermamente convinto che questo stesso forty eight, con una colorazione meno "accesa" e senza quella plasticaccia proprio dietro la ruota anteriore, non mi sarebbe dispiaciuta affatto....e invece allo stato delle cose non mi esalta per nulla.

Provate a fare uno sforzo con l'immaginazione . . . 

A prescindere dai gusti personali, bisogna ammettere però che il proprietario ha cercato una chiave di lettura tutta sua per interpretare la sua idea di personal bike.

Che ne pensate????

17 commenti:

  1. Mmmmh... arduo giudicare... Il colore a me non piace e il logo in caratteri gotici non mi sembra coerente con la grafica racing. Inoltre il 48 non mi sembra la base più indicata per una racer, con il suo sedere basso e il gommone anteriore. Però i gusti sono sempre personali... il proprietario sarà, immagino, contento del risultato ottenuto.

    Tra le cose che mi piacciono, le cuciture della sella in tono con la verniciatura (non è molto, lo so).

    Ciao,
    Marco

    RispondiElimina
  2. il mondo è bello perché vario,verissimo infatti a me (colore e puntale a parte) piace un casino,solo che se vogliamo mettere da parte la fissa per HD ed i soldi spesi tra acquisto e modifica tutto questo che senzo ha? sempre un cancellone rimane,al primo incontro con una qualsiasi moto del medio segmento "sparo" sarebbe inglorioso!
    LuRe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente un confronto prestazionale con una qualunque Yamasuki sarebbe ingeneroso... Probabilmente lo sarebbe anche con un TMax... eppure a comprare una vasca da bagno oppure una Yamasuki non ci penso neppure. Difficile spiegare a chi non ama le Harley cosa significa guidarne una. Oltre che difficile, è spesso inutile.

      Elimina
    2. infatti non devi spiegarlo a me.
      ho Harley e sempre avro' Harley ma questo non significa che ho le fette di salame sugli occhi e le difendo a spada tratta,volevo solo dire che per quanto mi riguarda trovo spesso fuori luogo (per non parlare delle cifre mostruose spese) modificare pesantemente la moto per renderla veloce (quando poi di veloce non avrà nulla se non l'immagine) come in questo caso partendo da una base 48 con gommone/ciclistica/peso e tutto il resto!
      LuRe

      Elimina
    3. Secondo me uno spende i suoi soldi come vuole.... Poi proprio perché cancelli vitaminizzarle un po e migliorare ciclistica e freni non guasta, anche solo per sicurezza e confort. Chi l'ha detto che freni e ammo validi servono solo alle moto da 100 e più cavalli??

      Elimina
    4. Va bhè,mi arrendo!
      Ma è ovvio che uno spendi i suoi soldi come vuole,il discorso pero' è un altro ma non importa.

      Elimina
  3. Parafango post promosso a pieni voti! il resto non rientra nel mio stile.
    Pejo

    RispondiElimina
  4. La verniciatura in sé è molto ben fatta e particolare, anche se non mi piacciono le tinte usate.
    Bella la sella e interessante lo scarico diverso dal solito.
    Per il resto la trovo un'accozzaglia di stili che non c'entrano tra loro, come mettere la borsa laterale in una preparazione pseudo-racing che ha comunque nella gomma anteriore così larga una contraddizione intrinseca... Mah...
    Quel puntale così alto poi sembra proprio coprire un radiatore che, grazie a dio, sulle XL non ci hanno ancora propinato.

    RispondiElimina
  5. Lo scarico è un Arlen Ness, prodotto da MagnaFlow, se non sbaglio. Non male ma un po' troppo corto, secondo me. Per i miei gusti, la moto in questione di contraddizioni ne presenta molte. Lorenzo, mi dispiace molto che tu non possa essere presente al Meeting; mi sarebbe piaciuto conoscerti e vedere dal vivo la tua moto. Pazienza, ci si organizzerà diversamente in altra occasione.

    P.S. Io ogni tanto un pensierino ad un puntale (HD genuino, però, visto che è dimensioni contenute) lo faccio. Mi frena il fatto che mi piacerebbe verniciarlo in tinta con la moto, e che la verniciatura sicuramente patirebbe sassi e sporco "sparati" dalla ruota anteriore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marco, anche a me spiace moltissimo non esserci al Meeting, purtroppo è capitato l'unico sabato in cui non posso liberarmi...
      Rinnovo l'invito a tutti sul lago Maggiore per un bel giretto, spero prima o poi riusciremo ad organizzare.
      Ciao

      Elimina
  6. Anche no. ;-) IronChicco69

    RispondiElimina
  7. Il puntale che emula il radiatore è orribile il resto non è male a parte il filtro che in se è bello ma nel progetto c'entra poco lo scarico mi piace tantissimo forse uno dei 2 in 1 a mio parere più belli assieme a quello Vance & Hines pro series che comunque gli assomiglia parecchio!!! Però non ostate i punti a favore non mi sento di dire mi piace!!!
    Michael

    RispondiElimina
  8. La scelta dei colori e le grafiche le cambierei.... Ma il resto non è poi così male...

    RispondiElimina
  9. A me piace, le grafiche sono belle i colori forse discutibili, magari come base di partenza era meglio una R o una Iron comunque per me una bella Sporty.
    Gian Marco .

    RispondiElimina
  10. Bello scarico Arlen Ness by Magnaflow 2 in1, il filtro Jocker Macchine, il parafango con spoilerino finale, il cupolino, le grafiche.
    Orribile il "copriradiatore", il verde usato e la borsa da " C'è posta per te", soprattutto su una racer come questa...

    RispondiElimina
  11. Il colore non mi fa impazzire e mi sarebbe piaciuta vederla tutta nera. Nell'insieme non mi dispiace, sinceramente ne ho viste di molto peggio :-)

    RispondiElimina
  12. ...chissà come gode nel raffreddarsi il cilindro anteriore...

    RispondiElimina

SE HAI TROVATO INTERESSANTE QUESTO POST CONDIVIDILO!