17 mag 2016

Shaw Speed Mert Lawwill Tribute 48








Esposta nello stand ufficiale HD in quel di Monza non poteva non attirare la mia attenzione: una splendida preparazione, su base forty-eight, ad opera di Shaw Speed & Custom.

A molti di voi l'ispiratore del progetto non dirà molto ma Mert Lewwill è una vera leggenda in america: campione AMA negli anni settanta, costruttore e designer di moto ma anche innovatore nel campo delle biciclette.

Il dealer anglofono parte proprio dalle fascinazioni delle corse Ama per realizzare questa incredibile street tracker; una dimostrazione di un gusto fuori dal comune.
In passato mi è capitato di rimanere freddino di fronte ad alcune preparazioni di Shaw Speed (certe volte tutto troppo!!!) ma a questo giro non posso che complimentarmi.
Il codino, la colorazione, i cerchi di ugual misura, le tabelle integrate nella linea della moto, il tank , la tabella con luce integrata. . . . .tutto azzeccatissimo! 

Se proprio devo fare un appunto, avrei montato un manubrio e uno strumento diverso; ma parliamo del classico ago nel pagliaio!


Una moto da far girar la testa . . . . . sugli ovali in terra battuta!!!!!!


23 commenti:

  1. A me piace d'avvero molto ha rubato la scena a tutte le altre h-d esposte colorazione stupenda!!! Magari sto per dire una cavolata ma a me il serbatoio sembra quello della street 750 e anche il codino se pur modificato e adattato mi ricorda quello della 750!!!
    Michael

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è una cavolata, sembra proprio quello del 750, tappo decentrato a dx e forma sono quelle....
      Bravo Michael, buon occhio, con questa ti sei rifatto della "figura" del parafango copertone della iron irlandese!!!! :P :P

      Elimina
    2. Hai ragione quella volta ho fatto una figura bellissima hahahahah
      Michael

      Elimina
  2. Molto bella, ma l'impiego su strada mi sembra un po' improbabile (niente targa, frecce, luce posteriore né freno anteriore). Però esteticamente è fantastica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marco, la moto è ancora in riparazione?
      Se no sabato o domenica venivo Torino x conoscerci, fare 2 chiacchere e magari una mini run insieme....

      Elimina
  3. Molto molto bella, la verniciatura mi piace molto poi come dice Marco se aggiungessero luci targa e frecce sarebbe una libidine di moto da portare in strada!!!
    Ma chi sono quei tre loschi figuri che si vedono nella foto n.4?!?!?!?
    Gian Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brutta gente... Individui da evitare...

      Elimina
    2. Soprattutto quello alto con barba e occhiali.... meno male che non c'era domenica a Taceno!!!
      Mi faccio 400 km x conoscervi e manca il mitico Berry? Sapevi che venivo e allora hai evitato di venire?? :D :D
      Scherzi a parte, sarà per il prossimo mese, mia moglie e mia figlia vanno tutto il mese in ferie e avrò più libertà (lavoro permettendo) di unirmi voi i week end più spesso....
      Conoscenza solo rimandata......

      Elimina
    3. Tranquillo... Le occasioni non mancheranno

      Elimina
  4. Vista dal vivo...Stupenda
    Fabio

    RispondiElimina
  5. Condivido il pensiero di Fabio... Ero talmente attratto da questa moto che non mi ero neanche accorto che avevo la nuova R alle spalle

    RispondiElimina
  6. Preparazione ben riuscita, grafica e colori stupendi!

    RispondiElimina
  7. Le frecce sono integrate nelle manopole (Rizoma) e sono in regola per anteriore e posteriore.
    La targa si intavede lateralmente.
    Paolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...cioè con quelle si possono togliere quelle dietro? Veramente?!
      Non lo sapevo!

      Elimina
    2. Cavolo, hai ragione, mi erano sfuggite.

      Elimina
    3. @lollo..si perché sono visibili sia dal davanti che da coloro che sono dietro.

      Elimina
    4. Sei più un guru che un blogger..! :)

      Elimina
  8. Bellissima la colorazione e trovo ben integrato il serba della street 750 (ecco l'unica cosa a cui è servito quel modello, donare "organi" a moto come questa!!!).
    Avevo notato anch'io le manopole Con frecce integrate di Rizoma (che catalogo pregevole che ha per modelli racer e moderni, mi sa che degli specchietti Rizoma mi farebbero proprio gola, a parte il prezzo astronomico....), ma il portatarga mini se non era per Paolo non l'avevo visto....
    Più che la mancanza di frecce e targa, per l'uso stradale mi preoccuperebbe di più la mancanza del disco anteriore, stile flat track!!

    RispondiElimina
  9. In generale piace molto anche a me, ma il codino fato così su una tracker non lo digerisco. Il classico Storz sarebbe stato molto meglio.
    Il manubrio a me piace, molto meno i comandi che andavano sostituiti con quelli minimal.
    La tabella portafaro e la piastra superiore sono Freespirits, bello che un'azienda italiana rifornisca uno dei preparatori più ispirati del mondo.
    Anche a me l'assenza del freno ant. non piace, ma volendo fare una preparazione estrema ci sta, tanto anche le gomme non sono omologate su strada...

    RispondiElimina
  10. Unico appunto al posto del mini conta km avrei messo un bel contagiri che a mio parere avrebbe seguito maggiormente lo stile della moto.
    Pejo

    RispondiElimina
  11. Vista insieme agli altri 2 loschi figuri, a me piace così com'è, veramente grintosa...
    Roberto

    RispondiElimina
  12. Trovo che abbiamo saputo dare un tocco di classe e vintage con delle linee morbide e colorazioni molto curate.
    Moto spettacolare in ogni sua forma

    RispondiElimina
  13. La trovo Fantastica!..sia nelle colorazioni che nella base tecnica.....se ci fossero più ovali sterrati ...quel tipo di prparazione spopolerebbe tra noi sporteristi!!!..ciao By RAVE

    RispondiElimina

SE HAI TROVATO INTERESSANTE QUESTO POST CONDIVIDILO!