15 apr 2016

B.O.T.K. feat H-D Zaragoza









Guardo la preparazione con la quale H-D Zaragoza partecipa alla Battle Of The Kings spagnola e penso "adesso cosa scrivo".
Poi mi sovviene quanto ho espresso in merito alla Saltafossi by HD Pavia e inizio a buttar giù queste righe.

L'idea da una parte e risultato dall'altra; una buona idea non implica un buon risultato, ma un buon risultato può nascere anche da una idea non proprio geniale.

Il dealer spagnolo ha cercato di fuggire dai classici clichè con una preparazione che avesse chiari richiami al mondo cross, ma quello che vedo non mi esalta.
Riconosco però la qualità del lavoro e alcune scelte interessanti . . . nulla di più!

La forcella anteriore e quella posteriore, i cerchi a raggi e la soluzione adottata per montare il mono ammortizzatore ad esempio!
Meglio una preparazione anonima o una preparazione originale ma discutibile????

Il post della Saltafossi ha ricevuto quasi 100 commenti, anche se in gran parte negativi, mentre H-D Viterbo (una a caso), con la sua iron, ne ha raccolti una decina tutti positivi.

Qual'è secondo voi il risultato migliore se foste un dealer????

Un quesito difficile!!!!


State sintonizzati!



15 commenti:

  1. Molti dettagli e soluzioni,presi singolarmente sono davvero belli ed interessanti..
    Ma vista nell'insieme è davvero BRUTTA!!
    Per il discorso commenti,io penso sia meglio ricevere meno commenti ma positivi..
    Io credo che un potenziale cliente,sia attirato di piu da un buon risultato,piuttosto che da un'accozzaglia di ricambi come è la Saltafossi.
    Io non faccio testo ma,dopo aver visto la saltafossi non sono certo invogliato a rivolgermi ad HD PAVIA..

    Fabio

    RispondiElimina
  2. Tra questa e la saltafossi è una bella battaglia . . .ma forse sceglierei questa.
    Per la questione commenti, se fossi un dealer, non saprei cosa preferire.
    Bravo Paolo, continua così.
    Tc

    RispondiElimina
  3. Stavo per scrivere "orrenda", poi ho pensato che se avessero adottato una soluzione per il posteriore differente, tipo un parafango con fender inglobati, curvo, una mascherina anteriore con parafango differenti, tolto il tachimetro, forse il risultato cambierebbe alquanto. Ma poi, già che c'erano, non potevano mettere la catena al posto della cinghia? non si è mai vista una enduro a cinghia...
    Ultima cosa, ma hanno anche allungato l'interasse o sbaglio?

    Alfred

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente si, bastache guardi la cinghia quanto è lunga..... sembra la cintura del Gabibbo!!!!!

      Elimina
  4. Boh sembra un di quelle HD preparate per le gare in salita su sterrato o sulla neve.....
    Comunque nel complesso non mi piace!!!
    Gian Marco

    RispondiElimina
  5. ...fare le cose semplici e' molto difficile...secondo me in generale, il detto "less si more" si sta snaturando. Tenere il motore,il serbatoio,la sella di una Sportster e sostituire tutto il resto vuol dire fare una moto nuova...dove sta lo spirito custom?
    ...un dealer dovrebbe pensarlo.

    Giacomo (To)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neanche il serbatoio, questo è wuello del 48!!!! Comunque hai ragione.

      Elimina
  6. Apprezzo l'idea, ma su il risultato non ci siamo!

    RispondiElimina
  7. Non saprei sinceramente se non ci fosse un motore H-D non sarebbe neanche brutta!!! Ma non capisco perché trasformare un'H-D in un qualcosa che non potrà mai essere per mole e peso!!! Se ti piacciono le moto da cross non compri un H-D e poi secondo me lo scopo della battle of the king era stupire ma mantenendo riconoscibile la moto per renderla più appetibile sul mercato!!! E non stravolgerne la linea!!!
    Michael

    RispondiElimina
  8. questa ad un occhio inesperto potrebbe quasi sembrare uscita così dalla fabbrica e quindi potrebbe piacere o non piacere, cioè ci si affida al gusto del singolo utente.
    Qui ci sono tutti o quasi gli elementi per dire è un cross (a parte la cinghia!!).
    La Saltafoss invece era una cozzaglia di roba e non so se si rendono conto a Pavia che d'ora in poi potranno mettere insieme anche la moto più bella del mondo ma verranno ricordati per quello scorfano

    RispondiElimina
  9. Non capisco........... Peccato che Zaragoza non sia in Italia, sarebbe stata una bella battaglia di post con quelli di Pavia ;-) ;-) ;-)
    Roberto

    RispondiElimina
  10. Mah, non ho parole. Per me vale tutto quello che avevo detto x Pavia. Son d'accordo con Michael in pieno, capisco chi vuole farsi uno scrambler ho una tracker, ma per un cross/enduro usare una Sporty non ha senso, bisogna cambiare tutto e resta comunque troppo pesante. Poi il mono dietro proprio nooooooooooooo! Aborrante.....

    RispondiElimina
  11. Se ci perdi mezz'ora di tempo con una mola in mano... Magari riesci ancora a salvarla...

    RispondiElimina
  12. Rendere bella una Iron non è difficile rovinarla si, Zaragoza e Pavia ci sono riuscite complimenti immagino non sia stato facile e per questo meritano un premio nella categoria non'Era meglio stock,magari a consegnarlo potrebbe essere Duecilindri.Battute a parte penso che i dealer in questione hanno perso una buona occasione per accendere la meraviglia degli amanti dello sportster invece che prococarne il disgusto.

    RispondiElimina
  13. Sul podio delle scrambler: BMW R80 GS, Yamaha xt 500 e la Triumph di Steve McQueen, il resto della produzione mondiale da fondere. Per quanto riguarda le sportster scrambler più o meno, esprimo parere negativo. Nella rubrica si sarebbero beccate un " occhialoni e fiamma ossidrica".

    Graziano Bonneville

    RispondiElimina

SE HAI TROVATO INTERESSANTE QUESTO POST CONDIVIDILO!