05 feb 2014

Elefantentreffen in sporty by Luigi "Giò"
















foto e scritto by Luigi "Giò" M.

Venerdì 31 gennaio la sveglia alle ore 6.00, h. 7.30 vrooom e anche il mio Giò-Sporty è sveglio e vispo.

Ore 8.10, area servizio A4- Brianza sud ritrovo con gli amici, i “Senza fretten” 

Ore 8.30, bottone.
Ore 9.00, area servizio A4-Sebino Sud si recupera il resto del gruppo.

9 amici, 9 moto, tutte diverse, ognuna che riflette lo stile e il carattere del suo proprietario, harley, bmw, una self-made su base honda (forse?), un unico obiettivo: l’ELEFANTENTREFFEN.

Pioggia battente, freddo, nevischio, Brennerpass.

Discesa verso Innsbruck, sole che illumina le Alpi, quelle austriache, buio, ancora 90 km a Passau, stanchezza, hotel, doccia calda, Danubio, cena in stübe, Clarissa? weissbier, stinco, ponte sul Danubio scuro e non blu, un pissoir in riva al fiume con il “walter” che dal calduccio della sua “cuccia” si rifiuta di mettere la testa fuori dall’uscio, rientro, sonno.

Mattina, colazione con vista virtuale sul Danubio coperto di nebbia.
In sella, la "buca" ci aspetta, occhi sgranati a cogliere possibili gelate su strada, foresta bavarese, colline innevate e sole che scalda anche i nostri cuori.

Thurmansbang-Loh, strada chiusa all'accesso ... only bikers allowed.

Incrocio di moto, vespe, scooter, vecchie e nuove glorie, alcune improbabili, altre sconosciute e indefinibili, sidecar ...tanti sidecar, d’altronde la festa è in loro onore prima di tutto,  tutti lì per il 58° ElefantenTreffen.
Si, sono 58 anni che l’ultimo w/e di gennaio, pieno inverno, ci si ritrova da ogni dove nel cuore della foresta bavarese, non ai Caraibi.

Was ist Elefantentreffen? Prego, leggere qui http://it.wikipedia.org/wiki/Elefantentreffen, oppure altrove. In ogni caso, conta poco o niente saperne, conta solo e unicamente andarci.

Ma quest’anno c’è il sole! Tanto sole, ma anche fango, neve e poi foto-ricordo sotto lo striscione ...come a dire “...amico, io c'ero!”

Chioschetto per patch, pins, adesivi, insomma, come in pellegrinaggio a un santuario, non si può non tornare a casa senza uno di questi “santini” e chissenefrega se un pezzo di adesivo costa 2,50 eurini, conta il valore intrinseco e immateriale di quel pezzo di carta adesiva.

Si entra “in buca”, birretta al chiosco, fuoco, tende, balle di paglia, stufe che fumano, perché la notte qui fa freddo per davvero, ma oggi c’è  il sole che splende sulla “buca” e l’emozione, tanta, si legge negli occhi. Occhi che sorridono, alcuni anche lucidi e malcelati.

Ma è già tempo di ripartire.

Ancora foresta bavarese, bianche colline innevate baciate da questo sole d'inverno e una striscia d’asfalto, nero, che vi corre dentro, la strada, la nostra strada. Di noi, i cd. “Elefantini” e delle nostre moto che rombano di piacere.
Autostrada, sosta e uscita ogni 100 km alla ricerca di un benzinaio.

Si, perché in Germania il bello dell’Autobahn (cartelli blù e non verdi come i nostri) è che non si paga ed è ben tenuta, il brutto è che il benzinaio è nel paese vicino a 1-2 km. di una uscita (ausfahrt) qualsiasi.

Monaco, raccordo anulare che in questo sabato d’inverno sembra il romano G.R.A. o la tangenziale ovest direzione A4 Cormano-Venezia con la gente che va chissà dove.

Sempre Autobahn, direzione Innsbruck-Italia. Ma ancora sosta in corsia di emergenza, l’ennesima per la self-made-honda, ma anche per noi che ne approfittiamo per distendere i muscoli del collo e delle braccia che cominciano a far male per davvero.

Candele? No, questa volta solo benzina in riserva, ma intanto si sta facendo sera e poi buio.

Si sale verso il Brennerpass, pedaggio, consultazione veloce...si prosegue? Ci si ferma?
Ragazzi...sono le 18.30, sulla strada c'è acqua, fanghiglia, nevischio e poi è buio e a casa ci sono i nostri affetti in ansia per una telefonata che non arriva.

Wipptalerhof Hotel, freccia a dx, sosta notturna.
Doccia, cena, ancora auguri a Magic Bob per il suo compleanno anche se ancora manca un giorno, ma intanto si brinda e si guarda il cielo per indovinare cosa ci aspetta il giorno dopo.

Pioverà? Nevicherà? No tranquilli, c'è scirocco e quindi? Al max strada bagnata?

E invece ... mattino, risveglio con le nostre moto sotto almeno 20 cm di neve, ma si deve partire, comunque.

Strada piena di sale ma pulita, efficienza da vecchio impero austro-ungarico.
Brennerpass e poi Italia, Bressanone o Brixen… , stessa cosa, siamo sempre e comunque in Italia, cari amici tirolesi, non dimentichiamolo.

E intanto il sole si affaccia tra le Alpi, italiane questa volta.

Si viaggia, 100/120/140, con il Magic che quando gli “prende il ritmo” (ipse dixit) eccolo che si lancia dai 60 ai 160 km/h in un elastico da bungee-jumping dal fondo alla testa del gruppo e poi di nuovo in fondo a far da scopa insieme a “bro Cosimo”. Perché il Magic è cosi, prendere o lasciare e gli amici si prendono e basta.

Ma ormai siamo a ridosso di Brescia, saluti, ancora gli occhi allegri e felici di quanta/quale strada abbiamo fatto insieme in questo freddo w/e di inverno.
Bergamo, le mani si alzano. Ciao alla prossima...sulla strada e il primo gruppo che va.

Barriera di Agrate, svincolo per Monza e altri due che alzano la mano. Saluti.
Ancora un pezzo di tangenziale ovest e ancora saluti all'ultimo compagno di strada.

Ormai solo, come il venerdi di due giorni addietro, alle 7.30 del mattino, sotto l’acqua battente, a ripercorrere nei pensieri il perché di tutto questo per dirmi soltanto "amico mio, non c'è un perché a tutto questo. Sono le passioni che muovono il mondo, la testa può solo correre dietro."

PS. 1: quella “roba” posticcia che vedete attaccata al serbatoio è una “protezione di fortuna” (usata anche nella mia “solitaria” verso il mio paese, in Lucania/Basilicata lo scorso giugno 2012, da me titolata “My Italy Riding Alone”) fatta per attaccare un borsello con alette magnetiche per contenere cose di pronto uso, quale pelle di daino per pulire la visiera durante la marcia, ticket autostradale italiano, spray antiappannamento etc. evitando di rigare il serbatoio.

P S.2: infine, amici e lettori del DUECILINDRI BLOG che avete avuto la pazienza e bontà di leggermi fino a qui e anche tu, Paolino, che gentilmente mi ospiti, lo so che mi tirerò dietro le vostre “madonne”, ma da uno che da un pezzo ha passato “il mezzo del cammin della sua vita” e da poco ha scollinato anche “la cinquina”, che qualcosa l’ha fatta, qualcos’altra l’ha vissuta, ma che tanto ancora gliene resterebbe/vorrebbe da vivere e fare, una riflessione ve la devo dire “…disquisite meno di estetica, di colorazioni, di abbinamenti, di parafanghi se mozzati o allungati e via di questo passo, mettete 10 euro di benzina nel serbatoio della vostra “bimba”, andate a farvi un giro, al lago, in collina, in Val Brembana, da soli, in compagnia, con il sole, con la pioggia, ma comunque andate a farvi un giro.


Sentire il rombo di allegria che esce dagli scarichi della vostra “amata”, con l’emozione che ogni volta vi salirà fin dentro il vostro stomaco mentre gli occhi si fanno lucidi, è qualcosa che non ha alcun prezzo, non ha alcun valore materiale e che nessuno vi potrà mai descrivere per davvero, lo sentirete solo voi, dentro di voi, lo porterete solo in voi, sempre con voi.” 




24 commenti:

  1. Massima stima e tanta invidia, complimenti per il viaggio e il racconto.
    Ciao
    Daniele noobrider

    RispondiElimina
  2. Emanuele - Bolzano5 febbraio 2014 09:21

    Bravo Giò hai scitto una pagina indimenticabile della tua vita motociclistica. Stima e rispetto!

    Grazie di aver condiviso con noi la tua esperienza, con un bel racconto e belle immagini.

    RispondiElimina
  3. Respect al Giò!!!!
    La sporty và ovunque . . . basta volerlo.
    Bravo Luigi.

    Nano71

    RispondiElimina
  4. Grande!!! Spero di vederti al prossimo run 2c così da sentire dalla viva voce maggiori dettagli su questa magnifica esperienza che hai fatto!
    Complimenti ancora,
    Un lampeggi,
    Daniele

    RispondiElimina
  5. Forever On Sportster's Wheels!!!
    Ma vi rendete conto!?... i viaggi più importanti il nostro LUIGI li fa in Sportster!
    Sei un grande!... Totale rispetto al nostro veterano preferito!!!!
    DJ

    RispondiElimina
  6. Grande avventura e bravissimo Luigi nel raccontarcela. Mi ha sempre affascinato l'Elefantentreffen ma ho sempre pensato fosse un pò troppo estrema, ora grazie a tè sò che è possibile. Chissà, magari una volta ci vado. Grazie per averci reso partecipi di questa bella avventura. Sono daccordo con tè, accendiamo le moto e andiamo, non importa tanto con cosa ma andiamo.
    MALPO

    RispondiElimina
  7. Ciao Luigi!!..dalle tue parole si capisce che la passione ti pervade, per questo a me ti accomuno,e senza conoscerti tanto sò che saresti un amico!..a presto ..RAVE

    RispondiElimina
  8. OTTIMO!
    Gran viaggiatore e gran scrittore!
    COMPLIMENTI!

    RispondiElimina
  9. Concordo in toto . . . complimenti a Luigi.
    Quest'anno, le chiacchiere su parafanghi e accessori continueranno perchè è più forte di me, ma ho intenzione di fare parecchi giri, giretti e gironi!
    Paolo 2C

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Paolo, allora quest'anno terzo, quarto e quinto RUN !
      MALPO

      Elimina
  10. È un grandissimo. Io, portatore di protesi all'anca, non mi ci avventurerei mai.. Ma poter anche solo sognare con le sue foto..

    RispondiElimina
  11. Grande Giò. So cosa hai provato e io che l'ho vissuta nella sua 50° edizione con un TT600 sotto la neve da milano a monaco capisco le sensazioni. Io mi sentivo anche un po' pirla (come si dice a milano) e un po' eroe, e ancora pirla per sentirmi eroe... Stima, rispetto e onore a te!

    PS per il RAVE: Luigi l'hai conosciuto eccome al primo duecilindri run... ma forse eravamo tutti un po' eccitati.

    Alfred

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alfred!..cerco che lo ho conosciuto...gli devo anche un caffè......intendevo NON MOLTO......riciao By RAVE

      Elimina
  12. Confermo l'impressione che mi hai dato leggendo questo articolo, oltre ad essere un ottimo centauro, sei anche un'ottima penna e un grande amico.
    Alla prossima avventura....bro C.

    RispondiElimina
  13. Grazie a Luigi per essersi unito al nostro gruppo (1811MCL) e grazie a Paolo per averci "ospitato" sul blog offrerndo visibilità al nostro run "Senza Fretten".

    RispondiElimina
  14. Gran spirito di avventura e capace a mettersi in gioco!
    Pippo70

    RispondiElimina
  15. Gran belle parole e complimenti per l' esperienza vissuta.

    Ti cito per farti i miei complimenti per queste parole:
    “…disquisite meno di estetica, di colorazioni, di abbinamenti, di parafanghi se mozzati o allungati e via di questo passo, mettete 10 euro di benzina nel serbatoio della vostra “bimba”, andate a farvi un giro, al lago, in collina, in Val Brembana, da soli, in compagnia, con il sole, con la pioggia, ma comunque andate a farvi un giro.


    Sentire il rombo di allegria che esce dagli scarichi della vostra “amata”, con l’emozione che ogni volta vi salirà fin dentro il vostro stomaco mentre gli occhi si fanno lucidi, è qualcosa che non ha alcun prezzo, non ha alcun valore materiale e che nessuno vi potrà mai descrivere per davvero, lo sentirete solo voi, dentro di voi, lo porterete solo in voi, sempre con voi.”

    Amen!

    Mirko

    RispondiElimina
  16. ciao Luigi !!! grande stima per aver compiuto un impresa del genere, nn alla portata di molti, dificile e dura....altro che balle !!!! spero proprio di vederti al prossimo RUN così ascolterò le tue parole, sicuramente cariche di emozione , nel raccontare questo viaggio
    complimenti ancora
    ciao
    Marcolino

    RispondiElimina
  17. GRANDE, SEI UN GRANDE.
    Lorenzo, Pisa

    RispondiElimina
  18. un grazie di cuore per la passione e il coraggio che avete messo per affrontare questa avventura per qualcuno tra l'altro era il primo elefantreffen. sono sicuro che non sara' l'ultimo .1811 vi ringrazia re vi stima.

    RispondiElimina
  19. Giò 883R non e una Harley, cmq complimenti per il viaggio

    RispondiElimina
  20. all'anonimo dell'11 febbraio h 19.46 , almeno firmati !! la 883R nn è una Harley ??? what do you mean ???
    Marcolino

    RispondiElimina
  21. che olio usavi nello sportster come gradazione? problemi con accensioni a freddo?

    RispondiElimina
  22. Grande Gio', pienamente d'accordo con te: meno parole e più fatti.... prendere la moto anche d'inverno e girare, e la cosa che più conta. Il viaggio che hai fatto è epico, suscita in me un mix di rispetto invidia voglia di partire ora per una avventura così! !!
    Evviva le moto e le grandi emozioni vere che ci fanno vivere. Respect!!

    RispondiElimina

SHARE THIS