13 dicembre 2018

DAMIANO CAPUTO Drag_Sporty feat SPORTY MEETING '18





Foto di Marco Frino, courtesy of Low Ride

E' stato un privilegio avere ospite allo Sporty Meeting, DAMIANO CAPUTO, con questa bellissima special su base sporty, in puro stile drag-salt-lake. Protagonista di svariati articoli e copertine sulle riviste di settore, l'imprenditore bresciano ha dalla sua una profonda conoscenza del mondo custom e dei motori in genere. Sicuramente uno dei personaggi più titolati a parlare di un certo tipo di harley-davidson nel nostro paese. Proprio una sporty modified particolarissima e inedita, ideata dallo stesso Damiano, sarà presente all'interno della Sporty Meeting Area, padiglione uno, al prossimo Motor Bike Expo di Verona.


Per comprendere meglio chi abbiamo di fronte, di seguito, pubblico un estratto di un articolo-intervista apparsa sulla rivista BreMagazine.

⏩ La passione per le auto e le moto è un interesse che mi è stato tramandato da mio padre e da mio nonno insieme ai quali ho iniziato a muovere i primi passi che mi hanno condotto al fascino del collezionismo. Il primissimo oggetto della mia collezione è stata una 883 del 1984 a 4 marce. Questa motocicletta apparteneva a Carlo Talamo, l’importatore numero uno delle moto più belle del mondo e il proprietario della prima concessionaria in Italia Harley-Davidson, la Numero Uno appunto.  In seguito riuscì ad acquistare svariati modelli a lui appartenuti, tra cui un Fat Boy Teste Gialle e una XLCR 1000 del 1977 (l’anno in cui sono nato) una moto sportiva che all’epoca avrebbe dovuto contrastare il dominio delle moto giapponesi degli anni ‘70. Con il tempo la mia passione si è sempre nutrita di sapere e la mia verve di conquista mi ha condotto a customizzare da zero le mie Harley-Davidson con l’obiettivo di creare delle motociclette uniche che avrebbero potuto concorrere ai contest internazionali (molte delle quali pubblicate sulle più importanti riviste di settore). Ma la passione per le motociclette non si è fermata al puro collezionismo, mi ha condotto infatti a intraprendere una grande sfida, quella che si corre sul lago salato di Bonneville nel Nevada dove si battono tutti i record di velocità. Era il 2012 e un team di quattro persone mi accompagnò in questa avventura che però a causa di alcuni gravi errori tecnici non ha prodotto i risultati sperati ma che rappresenterà uno stimolo per tornarci il prima possibile. Oggi, collezionare motociclette, significa possedere una passione e una conoscenza radicata e ad ampio raggio . Sono sempre più rari gli intenditori che al di là delle mode dedicano la propria vita a questo fantastico mondo, spesso chi acquista un’Harley-Davidson non ricorda quasi neanche il nome né la cilindrata della motocicletta che sta guidando e la passione si misura in cultura e preparazione. Nella mia collezione ovviamente al di là delle Harley “coabitano” anche pezzi importanti appartenuti alla storia della MotoGP e della Superbike. . .  . ⏩ leggi testo completo QUI.



Un grazie speciale a Damiano per il suo supporto alla causa sportster.



12 dicembre 2018

VINCI LA MIA MOTO feat La Sporty di Jovanotti e Sporty Meeting







LA STORIA
I meno giovani tra voi lettori ricorderanno sicuramente la sporty di JOVANOTTI personalizzata per lui da Carlo Talamo. Anche grazie a questa moto il culto delle Harley Davidson prese piede nel nostro paese nella seconda metà degli anni ottanta. Dopo averle dedicato brani, video e copertine, il cantante decise di metterla in palio attraverso un concorso indetto tra tutti gli acquirenti del suo disco dell'epoca. Con una canonica estrazione, fu sorteggiato un vincitore. 

PROLOGO

Domenica scorsa da Fabio Fazio, dove Jovanotti era ospite, la CARRAMBATA: proprio il fortunato owner della moto (o il figlio) si presenta in studio con la  sporty di Lorenzo, il quale  rivede il suo mezzo dopo oltre 20 anni (vedi video sopra).

Da quel momento mi balza in testa un'idea: trovare il proprietario e invitarlo al nostro meeting. La targa a vista ci permette di rintracciarlo abbastanza velocemente (thanks to Jurij) e in tempo reale gli mandiamo una presentazione del blog e del meeting, nella speranza che il proprietario sia prima un appassionato di sporty oltre che del cantante. Una moto che è di certo un pezzo della storia sporty italiana


EPILOGO
Proprio qualche ora fa mi ha risposto Marco, l'owner, dicendo che ringrazia per l'invito ma che non ama i raduni anche se ben fatti come il meeting. Ho provato a spiegargli che il nostro non è il classico evento harley, ma senza riuscire a convincerlo. Magari a Marco le moto non piacciono neanche e quella 883 ha un valore solo perchè appartenuta ad un cantante di successo. 


NOTE A MARGINE
Considerando l'attaccamento che Jovanotti sembrava dimostrare verso la sua 883 (leggi video, canzoni, copertine) personalmente ne avrei messa in palio una uguale debitamente autografata o passati alcuni anni dal concorso, avrei fatto di tutto per riportarla in garage. 


Vezzi dei personaggi famosi.


11 dicembre 2018

SPORTY MEETING feat BIG IN JAPAN






Chi segue questo blog avrà sicuramente sentito nominare JURIJ RE CECCONI

Lettore prima, amico e colonna del Meeting poi, ma anche proprietario di Arcadia (una bellissima modified su base 48, LEGGI POST) e di un esemplare giallo del mitico 4 candele. In questi mesi il nostro si è dato anima e corpo alla ricerca di alcuni pezzi rari proprio per il suo 1200 sport (post ad hoc coming soon) creando una fitta rete di contatti anche nel paese del sol levante. Tra i tanti nuovi amici segnalo GARUDA, owner di uno sporty racing pazzesco (ritratto in foto) con il quale il nostro cugino nipponico ama girare nei circuiti dedicati. Osservate l'adesivo posto sul serbatoio dell'olio e la t-Shirt indosso a Garuda; Sporty Meeting sbarca in Giappone.


UN GRANDE ONORE PER NOI: BIG IN JAPAN.