18 maggio 2018

Toni Manetta Best Modified Judge at Sporty Meeting 2018






Il 18 marzo scorso ha festeggiato trent'anni di onorata carriera nel circuito ufficiale harley davidson. TONI MANETTA è uno dei pochi sulla piazza che possa vantare un curriculum di tale portata: tre decadi or sono, ancora adolescente fu scelto da un certo Carlo Talamo (riconoscerete un giovanissimo Toni, in alto a sinistra, in questa storica pubblicità). Da quel giorno, anno dopo anno, è riuscito a diventare una colonna di Numero Uno MilanoResponsabile delle vendite accessori ma anche consulente per le preparazioni, uomo immagine e road captain del Milano Chapter: nella vita di Toni, la moto è sempre stata fondamentale e imprescindibile. In tantissimi passavano da lui in Via Niccolini per avere consigli e pareri sulle proprie moto. 

Dopo la chiusura della storica concessionaria e un periodo presso un dealer svizzero, Toni è tornato nei confini nazionali presso la concessionaria Harley Davidson Country Road Lodi di Emilio Radius. Ricorderete sicuramente la sua visione sporty di un paio di anni fa dal nome Scighera: una moto che rispecchiava il suo ideatore. Carattere da vendere e personalità straripante.

Non potevo non proporre ad una persona di tale esperienza di fa parte del nostro meeting: per amicizia e per la passione che il nostro nutre per le sporty, ha accettato. Sarà Toni Manetta il JUDGE che sceglierà, a suo insindacabile giudizio, la vincitrice della categoria Best Modified allo Sportster Meeting 2018. Per me e per tutta la Crew è un motivo di orgoglio.




10 commenti:

  1. NOTIZIA BOMBA: TONI MITICO.
    tc

    RispondiElimina
  2. Gran personaggio, un esempio di come lavoro e passione poss@no essere un tuttuno.
    Grande Toni.

    RispondiElimina
  3. GRANDE TONY NUMERO UNO IN TUTTI I SENSI.

    RispondiElimina
  4. Massimo rispetto per toni.
    Aurelio

    RispondiElimina
  5. Il meeting acquista sempre più spessore!
    Ronnie

    RispondiElimina
  6. Grande Tony ci vediamo a meeting
    Michael

    RispondiElimina
  7. Direi che non si poteva fare scelta migliore!
    Gian Marco

    RispondiElimina