27 novembre 2019

25° ANNIVERSARIO NUMERO UNO MILANO







Estratto da LowRide n.13_2009


L'altra sera ho preso in mano un vecchio numero di LowRide e mi sono imbattuto in questo bellissimo articolo dedicato al 25° anniversario di Numero Uno Milano. Rivedere i locali, lo staff ma anche le immagini della festa alla Fabbrica del Vapore (a cui il vostro blogger partecipò) è un tuffo al cuore. In Via Niccolini sono ambientati molti miei ricordi: il sabato mattina, l'aperitivo dalla Teresa e un salto in settimana, dopo il lavoro, erano abitudini a cui poche volte ho rinunciato. Mai avrei potuto immaginare una fine così ingloriosa per uno dei concessionari più importanti d'Europa. Per inciso, se osservate la penultima foto, quella di gruppo, noterete un sacco di facce conosciute: molti di loro, ancora oggi, operano nel settore custom sempre ad altissimi livelli. 


→ Vi basterà cercare sul blog per trovare un sacco di post a tema Numero Uno.




7 commenti:

  1. Per uno che non 2009 non era ancora un malato di sportster un bel post. Purtroppo mai vista numero uno di persona. hammer77

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io mai vista, mi mangio le mani, sono sportsterista dal '98!!!

      Elimina
  2. BELLISSIMO ARTICOLO E BELLISSIMO POSTO.
    PECCATO NON CI SIA PIU'.

    RispondiElimina
  3. Pur essendo tempi non sospetti ho partecipato a quella serata, e ricordo benissimo la multa che presi uscendo da Via Niccolini...
    L'evento era stato veramente bello, e il colpo d'occhio della zona davvero notevole! Se non sbaglio all'interno era esposta una delle pochissime otto valvole sopravvissute!

    RispondiElimina
  4. Numero UNO Top! peccato sia finito tutto... quanti sabati sera fuori dalle vetrine a sbavare ho passato....quanti sogni che poi col tempo si sono realizzati, per fortuna!

    RispondiElimina
  5. Alcuni di loro non erano proprio dei maestri di simpatia ma il posto era davvero pazzesco. Peccato.
    AndreaXL da Milano

    RispondiElimina
  6. un luogo inimitabile. io c'ero. bravo duecilindri a riproporre queste chicche del nostro passato
    Maurizio V.

    RispondiElimina