18 novembre 2019

WELL DONE SPORTSTER ROADSTER AN-BU CUSTOMMOTORS







Se la protagonista del precedente post è stata una sportster modified sicuramente dignitosa ma a cui, in my opinion, mancava il guizzo,  a questo giro pubblico una preparazione di certo più vicina alla mia idea di perfezione. UN CAFE RACER MODERNO E CURATISSIMO. Osservate dettagli come le pedane arretrate, il pompante del freno e i semi manubri, oltre al bellissimo trittico codino_scarico_filtro. La grafica elegante ed evocativa la trovo in linea con il progetto come l'up grade all'impianto frenante (Brembo docet) e i particolarissimi cerchi. Interessante anche il filtro dell'olio red e la fiancatina sinistra con quelle che sembrerebbero delle prese d'aria. Se vogliamo essere critici ad ogni costo, solo la targa l'avrei posizionata più in basso; ma è solo un dettaglio secondario. La base di partenza, un 1200Roadster sembra invece fatto apposta per un progetto come questo. Davvero UNA BELLA Sporty; WELL DONE.


15 novembre 2019

HARLEY DAVIDSON LUBECK SPORTSTER




SPORTY MODIFICATE in questi anni ne abbiamo viste a centinaia. Molte davvero ben fatte ma altrettante quelle che avrebbero meritato una sorte migliore: se non si hanno le idee chiare sul risultato che si vuole raggiungere, temporeggiate. Mille volte meglio una genuine con poche modifiche, magari migliorative della ciclistica o un utile Stage One piuttosto che aggiungere accessori senza un senso compiuto. Nel mezzo di queste due categorie, ci sono sporty che apprezzo ma a cui, ai miei occhi, sembra mancare qualcosa. Questo è il caso della preparazione realizzata da H-D LUBECK. Il Codino STORZ, sempre bellissimo, non basta, come non basta lo scarico 2into1: forse con una colorazione diversa il mio giudizio sarebbe cambiato o forse manca solo il guizzo, l'idea, la personalità.

A voi la parola.


14 novembre 2019

CHE STILE !!!



CHE STILE, la rubrica del blog che da sempre vede protagonisti sporty e owner di carattere.  E in questa foto di carattere ne ha in abbondanza.


KATY PERRY ON FORTY EIGHT SPORTSTER VIDEO



Non sappiamo se ci troviamo di fronte ad una mossa commerciale, studiata a tavolino dalla Motor Co. in accordo con la casa discografica della famosa cantante americana o se l'utilizzo di una bella muta di Harley Davidson, in questo video ufficiale, sia una scelta scaturita da una vera passione di KATY PERRY. Propendo più per la prima ipotesi, in vero. Di certo, vederla in sella ad uno splendido Forty Eight la rende ai miei occhi almeno più simpatica, considerato che musicalmente è ben lontana dai miei gusti. Buona visione.



13 novembre 2019

UNA FOTO, UN'EPOCA, UN SOGNO




Una sporty, quella ritratta in foto e realizzata da Carlo Talamo che, oltre ad essere rappresentativa di un'epoca irripetibile per la scena custom italiana è considerata di diritto tra le moto più significative del mondo Harley-Davidson del nostro paese. La conoscete bene, ne sono consapevole. 

Qualche giorno fa sul profilo Instagram del blog (follow this) ho pubblicato il famoso scatto che ritrae Lorenzo Cherubini in posa di fronte agli storici locali di Numero Uno Milano; tantissimi i like e i commenti a corredo. Attualmente la sporty in questione è nelle mani di una delle persone più accreditate a conservare una memorabilia di tale portata: mi riferisco ad Andrea Rivolta di Rivolta Motociclette. Passate da lui se volete ammirarla, al fianco di tantissime altre moto pazzesche, serie limitate e rarità. Chi ha partecipato alla prima edizione di Sporty Meeting la ricorderà esposta nello zona degli ospiti. Un onore averla avuta con noi.

Perchè le belle moto non passano mai di moda.



12 novembre 2019

SPORTSTER MODELS AND MORE ROADS FEAT EICMA 2019










Foto di Christian Zogno 


Ancora una volta lo stand di Harley Davidson è stato tra i più affollati, visitati e ammirati di EICMA: le sporty ovviamente non potevano mancare. Oltre alla grande novità Livewire (che per inciso novità non era) è stato possibile vedere in anteprima assoluta le nuove Pan America e Streetfighter: il web come abitudine si è diviso. Molte critiche ma anche molti messaggi di apprezzamento per queste due particolarissime (almeno per la Motor Co.) moto. Lascio a voi i commenti del caso. Mi limito a dire che trovo comprensibile il voler cercare nuovi clienti attraverso due tipologie di moto (tourer e naked) che da anni vanno per la maggiore. Nei rispettivi generi, queste due novità hanno carattere e riconoscibilità oltre ad un sacco di cavalli dalla loro. Che sia una scelta azzeccata o meno lo scopriremo nei prossimi mesi in base alla risposta del pubblico. 





11 novembre 2019

HARLEY DAVIDSON CLASSIC BIKE BERLINO




Un breve video homemade della nostra recente visita presso il dealer della capitale tedesca, CLASSIC BIKE BERLINO. Nonostante fossimo in trasferta lavorativa, non potevamo non fare un giro in questa storica concessionaria. TANTA ROBA. Per inciso ci tengo a ringraziare ALFONSO, da sempre al mio fianco in questa grande passione che si chiama Sportster, per avermi accompagnato in terra teutonica e per aver realizzato queste riprese.


08 novembre 2019

CARBON PARTS FOR SPORTSTER FEAT 100%CARBON








Foto di Alessandra Mori 

Il CARBONIO è un materiale pregiato, leggerissimo e super resistente; per queste ragioni è spesso accostato a mezzi racing o altamente di pregio. Nel mondo del custom non ha mai avuto grande appeal; molti biker preferiscono appesantire le proprie moto con mille ammennicoli, il più delle volte poco utili. Un certo Carlo Talamo, fece realizzare e dotò le dieci sportster del 10° anniversario di alcune carbon parts: ricordo la cover del filtro, quello della palpebra e dell'alloggiamento dei fusibili . Ancora una volta Carlo fu un precursore. 

In tempi più recenti il carbonio ha avuto un buon successo sulla piattaforma Dyna in chiave club style o racer.  Personalmente non avevo mai pensato di montare parti in fibra di carbonio sulla mia 883R per una ragione precisa: non esisteva nessuno che producesse accessori per le nostre sportster. Come avete letto su questo blog, da qualche tempo 100%CARBON ha creato UNA LINEA per le nostre moto. Sono dei gioielli, realizzati alla perfezione e proposti già trattati con il trasparente. Abbiamo avuto il piacere di esporre questi pezzi all'interno del nostro spazio al Rombo di Tuono 2019. Alfonso, colui che si è occupato di allestire e gestire lo stand, che ringrazio per l'ottimo lavoro svolto, riferisce che in molti sono rimasti incuriositi e colpiti. Ovviamente è carbonio: se costasse come la plastica o la vetroresina non sarebbe carbonio. Non tutti sanno quanto sia di pregio questo materiale e la lunga lavorazione che c'è dietro.

Come per tutte le novità, ci vuole tempo. In giappone sono tantissime le sporty dotate di carbon parts mentre qui da noi è ancora un materiale che molti accostano alle sole supersportive. Per inciso l'azienda produttrice dell'intera linea è colei che fornisce Ferrari e Lamborghini: pezzi di manifattura, rifinitura e trattamento ai massimi livelli. 

Parti in carbonio per sportster TOP.


07 novembre 2019

STREET TRACKER CLUB FEAT STEFANO AND OMT GARAGE





Mi imbatto casualmente nelle foto di questa Iron su un noto social; non ho potuto non scrivere al proprietario, Stefano, per farmi mandare qualche scatto e per avere qualche informazione in più. Molto bella davvero; spero di poterla ammirare dal vivo allo Sporty Meeting 2020.

⇉  Questa Sportster Iron del 2016, realizzata in collaborazione con Marco Troiano di OMT Garage, nasce con l'intento di mantenere i tratti caratteristici del modello di origine ma intervenendo sulla performance e cercando di renderla personale grazie ad accessori selezionati con cura.  In primis è' stato pompato il motore adottando un kit 1200cc ad alta compressione (la versione Race Only) e camme 585 Screaming Eagle.  Filtro dell’aria S&S ad alto flusso e scarico 2 in 1 Two Brothers Racing. Frizione rinforzata Barnett e conversione della trasmissione a catena: con questa modifica tutta la potenza erogata è trasmessa alla ruota con maggiore precisione e prontezza, donando alla moto un carattere notevolmente più aggressivo

Per quanto riguarda la ciclistica, oltre ad aver ottenuto una riduzione di peso del 15% circa, Stefano e Marco hanno optato per un assetto più rigido all'anteriore, aggiornando le sospensioni con molle RaceTech e apportando alle forcelle un lift kit di 3” per una maggiore luce a terra. Basta pedane che grattano sui passi di montagna.

Numerose ma mirate invece le modifiche estetiche: il buon gusto a Stefano non manca affatto. Complimenti da parte mia per il risultato.




06 novembre 2019

AREA57 FEAT NOVEMBER ISSUE LORENZO GAROFALO SPORTY




Sul numero di novembre di LOWRIDE, uscito nei giorni scorsi in tutte le edicole, oltre a tantissimi contenuti troverete il sesto capitolo di AREA57, la rubrica di DUECILINDRI BLOG. A questo giro la protagonista è INES, una bella Cafe_Racer realizzata completamente da LORENZO GAROFALO. Chi è venuto all'edizione scorsa di Sporty Meeting l'avrà sicuramente notata tra le modified esposte nell'area Circle. Proprio il Castello di Grazzano Visconti è la location di questi splendidi scatti ad opera di Alessandra Leocata. Una sporty muscolosa non meno del suo proprietario; peraltro la storia dietro a questa preparazione è molto particolare. Vi rimando alla rivista; il presente post è solo una piccola anteprima.


Colgo l'occasione per chiedervi se leggete, se vi piace e se avete consigli per la rubrica AREA57.


05 novembre 2019

YUCK FOU FEAT RAT BIKE SERVICE




RAT BIKE SERVICE nasce a Como dalla passione per il cromo, dall'amore per l'odore della benzina e per le vibrazione del V-Twin. Preparati, seri e appassionati da sempre di motociclette Harley Davidson, ad accogliervi troverete Tiziano, Peppino e Simone. Ricorderete proprio quest’ultimo, Simone, e il suo bellissimo conservato model K alle ultime due edizioni di Sporty Meeting: persona disponibile e super competente.
Dal recuperare una Harley vintage, al renderla affidabile, non ci sono esperti migliori in zona. Si occupano di immatricolazioni di moto di provenienza estera o di italiane prive di documenti. Tagliandi, collaudi e revisioni sono invece l'ordine del giorno. Da sempre ricercano in Europa e America modelli conservati in condizioni eccelse e li propongono a prezzi ragionevoli: tenete d'occhio il loro sito e se potete andate a trovarli.
Anche in fatto di preparazioni, Simone e soci sanno il fatto loro. Oggi vi presento questo chopperino in salsa japstyle commissionato da Alberto, membro dello storico MOTO CLUB LANCIATIL’incipit del progetto è quello di realizzare una moto essenziale, snella, adatta all’uso quotidiano ma non per questo priva di carattere e personalità. La base è un 883 evolution covertito a 1200; un pizzico di spunto e velocità in più non guasta mai. Carrozza minimale cucita ad hoc, motore messo a punto alla perfezione e alcuni dettagli killer regalano a questa sporty un appeal unico: spero di averla con noi allo Sporty Meeting 2020.



04 novembre 2019

AREA57 FEAT 1200S JURIJ RE CECCONI






Photos Courtesy of Lowride - Text for Area57 October Issue LR

Una sera d’autunno di una manciata di anni fa Jurij Re Cecconi percorreva la SS36 per raggiungere casa. Quando la spia della riserva dell’auto si accende, d’istinto imbocca la prima area di servizio. Tra le numerosi zone di rifornimento che costeggiano lo stradone brianteo il caso vuole che il nostro s’imbatta proprio in quella dove sorge l’officina Bad Boys Garage. Neanche il tempo di scendere dall’abitacolo che l’occhio cade su un Forty-Eight esposto in vetrina: il colpo di fulmine è talmente ben assestato che la settimana seguente proprio quella moto varca la soglia del garage di casa.  

Giunge la primavera e trascorre l’estate, il 48 si trasforma in una bellissima special di nome ARCADIA ad opera di Lorenzo Nisi e di pari passo cresce la passione per lo small block di Jurij. In pochi anni diventa una colonna della Crew di Duecilindri, collabora con il sottoscritto alla realizzazione di Sporty Meeting e infittisce una rete di contatti con moltissimi aficionados stranieri. Ma la vita purtroppo riserva anche delle brutte sorprese. Nel 2017 durante una scorribanda in terra austriaca viene disarcionato da un pirata della strada: la moto ne esce distrutta e lui parecchio malconcio. UN DURO COLPO. In attesa che le assicurazioni facciano il loro corso, dopo mesi di convalescenza e lunghe sedute di riabilitazione torna il momento di poter montare nuovamente in sella. 

Ancora una volta il destino ci mette lo zampino quando si imbatte in un annuncio di vendita di un raro quattro candele giallo. L’affare si chiude in tempi record ma le ricerche storiche sul mezzo che precedono l’acquisto rivelano che il primo proprietario fu Enrico Zanarini: proprio il noto manager di Formula Uno racconterà che questo 1200 Sport fu il regalo che ricevette nel 2000 dal pilota Eddie Irvine a seguito di una stagione ricca di soddisfazioni nel team Ferrari. La sporty monta un kit completo Screaming Eagle, ai tempi costoso optional del catalogo genuine e versa in condizioni più che buone ma Jurij, ormai diventato un palato esigente, vuole di più. Si mette alla ricerca di alcuni pezzi performanti dell’epoca, recupera degli accessori top di gamma recenti e si rivolge ad uno dei restauratori più meticolosi in circolazione; Pierluigi Alghisi. Ogni vite, ogni tubo, ogni guarnizione viene sostituita o rigenerata. Lucidate aste, condotti e tutte le cover. Portata a telaio, il motore, l’impianto frenante e il cambio vengono smontati pezzo dopo pezzo per tutte le verifiche e le migliorie del caso. Il giorno del ritiro e del conseguente test su strada dopo il restyling è, per ovvie ragioni, un momento sacro, quasi catartico per il protagonista di questa storia. E come ogni bella storia anche questa ha il suo lieto fine.