14 novembre 2018

FACCIAMO CHIAREZZA feat Il Nomade


In foto è ritratto Dave Barr. Dopo aver perso in guerra entrambe le gambe, ha compiuto viaggi straordinari in moto: dal giro del mondo al Coast to Coast Euroasiatico sempre in sella al suo sporty Harley-Davidson



Visto i sempre maggiori commenti a corredo dei post del Nomade, ci tengo a fare ALCUNE PRECISAZIONI considerato che da quattro mila post metto anima e corpo in questo blog ed è un pezzo importante della mia vita.

Premetto che mai e poi mai avrei pensato che i suoi scritti avrebbero scatenato così tante critiche e sottolineo che, se il Nomade non avesse cavalcato uno sportster per le sue scorribande, non gli sarebbe stata data la possibilità di essere su queste frequenze; questo deve essere chiaro. In secondo luogo ero certo che, su decine e decine di post a tema xl, una penna diversa avrebbe giovato all'economia del blog. E in vero lo penso ancora.

Sul contenuto degli scritti del Nomade invece non discuto: mi limito a dare una lettura e sistemare un paio di cosette, se necessario. Non scrive come Neruda, non ha la fantasia di Matt Groening e non è avventuroso come Eric Lobo, ma la sua è comunque una storia particolare. Non incontro tutti i giorni una persona che in sella al suo sporty, modificato a sua immagine e somiglianza, ha girato l'Europa in lungo e in largo.

Stefano, che ho conosciuto allo Sporty Meeting mi ha più volte chiesto se poteva mandarmi ogni tanto uno scritto e, come avrei fatto con chiunque altro di voi, gli ho risposto che li avrei letti e nel caso pubblicati. In pratica, ha dimostrato di volerci essere davvero: questo mi è bastato. Ma avere uno spazio non è affatto facile: bisogna avere tante cose da dire, moltissima fantasia e altrettanta capacità di scrittura. Il futuro ci darà le risposte in tal senso. Di certo quando si parla di libertà e di emozioni in sella, è facile scadere nel già detto; questo l'ho sempre ribadito anche a lui.

In passato Andrea e Luigi hanno avuto la stessa possibilità e, se la cosa non è continuata, è solo perchè non hanno trovato il tempo e forse la motivazione. Aggiungo che, poco mi interessa se il Nomade sia un personaggio costruito o sia vero: questo è un suo problema, al massimo. Sicuramente non vedo possibilità di arricchimenti facili nel nostro mondo, per cui creare un personaggio ad hoc non sarebbe una grande idea commerciale.

Fin dal primo post Il Nomade ha diviso; alcuni lo apprezzano incondizionatamente, altri lo criticano aspramente. IO SONO NEL MEZZO: di certo è molto lontano dal mio modo di essere motociclista, ma lo rispetto, come rispetterei ogni persona che ha la passione per le sporty e ha voglia di raccontare e condividere qualcosa. Inoltre evidenzio UN ASPETTO CHIAVE PER UN BLOG: i suoi post, nel bene e nel male, sono sempre tra i più letti del mese, spesso anche più dell'ultima preparazione di grido. Questo, dal mio punto di vista, è una cosa non prioritaria, ma sicuramente determinante. Non credo che un paio di post al mese possano corrompere l'integrità costruita in dieci anni di attività del blog. Non vi nascondo che queste polemiche mi hanno molto dispiaciuto, anche perchè erano totalmente inaspettate. 


Ribadisco che chiunque volesse dare un contributo o avesse l'urgenza di condividere qualche tema legato al mondo sporty è invitato a farlo: foto e testi sono sempre ben accetti duecilindriblog@gmail.com. Spero abbiate compreso la mia posizione!

Con affetto.





34 commenti:

  1. Sono pienamente d'accordo con Paolo, ed aggiungo... Anche se non si chiamava Nomade e non possedeva una Sportster lo avrei stimato come Motociclista ... Del resto come faccio con chi segue questo blog che non ha una HD e tantomeno una Sportster.
    Speed48

    RispondiElimina
  2. quello che scrivi è tutto corretto.
    io però la vedo in un altro modo.

    a me sembra che i post del nomade siano totalmente fuori dal contesto "sportster" del blog (ad eccezione di quello della descrizione della sua moto).

    sono molto letti, certo, ma solo perchè si scatena sempre una polemica che non porta nulla di utile al blog.
    non sono nemmeno diatribe su un accessorio, un preparatore, sono proprio argomenti totalmente estranei.

    avresti lo stesso risultato pubblicando questioni di politica, di sport, di gossip.
    avresti un numero elevato di lettori anche pubblicando foto di donne nude.
    ma sarebbero pertinenti all'anima del blog? non credo.

    io la vedo così. ovviamente sono di parte, essendo tra chi lo critica.

    però il numero dei suoi post e la cadenza lo stanno rendendo l'appuntamento classico, invece che la sporadica eccezione.

    883Low



    RispondiElimina
    Risposte
    1. d'accordo su tutta la linea

      Elimina
    2. Io sono uno di quelli che la presenza del Nomade non infastidisce. Però trovo il commeno di 883Low davvero estremo. Alla fine nei suoi post, in maniera sua, il nomade parla delle esperienza fatte in sella al suo sporti. Il paragone con politica o donne nude le trovo esagerate. Anzi una rubrica a tema donne come un tempo non mi dispiacerebbe affatto. Marco Todaro.

      Elimina
    3. il mio concetto era estremo, certo, ma penso renda l'idea.
      adesso ad esempio di cosa stiamo parlando? di sportster?
      no...

      Elimina
    4. Penso che chi ha uno sportster non lo tenga solo in garage o dal meccanico per continue modifiche ma lo usi per viaggiare,per cui viaggiare e sportster sono sullo stesso binario

      Elimina
  3. Ciao a tutti,
    a me il Nomade non dispiace affatto! Lo leggo con piacere e con curiosità.

    Le critiche non le capisco, se una cosa non mi piace non la leggo, di certo non passo tutto il mio tempo a criticarla, però parere mio.

    Grazie e a presto
    Andrea

    RispondiElimina
  4. i miei interventi non avevano nulla contro te o il blog...all'inizio era più un voler capire il personaggio...nel senso che se uno gira tutto il giorno e tutto l'anno in lungo e in largo in moto a mio avviso o ha le tasche piene di suo o vive di espedienti. Se la soluzione è la "A" allora sono davvero felice per lui, ma se la soluzione è la "B" invece mi rode il culo e mi rode parecchio. Pensate che a me o ad altri non piacerebbe passare tutto il giorno a zonzo? oggi ospite qui domani ospite la....io non lo trovo un atto di coraggio, anzi!! il coraggio ce l'ha chi si fa il culo tutto il giorno per pagare un mutuo e mandare avanti una famiglia, mutuo che magari serve anche per pagare la casa che ospiterà il Nomade domani. Poi quando arriva il genio che ti da dell'invidioso panzone da divano poi la cosa degenera...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. siamo sulla stessa linea di pensiero! 883Low

      Elimina
    2. Leggendo il tuo conmento leggo le tue scelte le stesse che avevo nella prima parte della mia vita famiglia casa mutuo nessuno te lo ha imposto lo hai scelto massimo rispetto come io ho fatto una scelta oggi di liberarmi di queste cose e vivere semplicemente una vita diversa quindi non capisco il tuo accanimento

      Elimina
    3. accanimento? guarda che sei fuori strada.... quelli che hanno offeso sono altri ma non nei tuoi confronti. Io ho semplicemente espresso il mio pensiero e come tale deve essere rispettato tanto quanto il tuo (non è riferito a te che sei rimasto sempre pacato e rispettoso). Io ho sollevato il dubbio, e ritengo più che legittimo, che il tuo stile di vita se così vogliamo chiamarlo non è da ritenersi come buon esempio (ripeto, parere personale) in quanto se tutti dovessero adottarlo il mondo andrebbe a puttane dopo 1 settimana. Se ti permetti di farlo è perchè per ognuno che lo adotta che ne sono altri 100 che in un modo o nell'altro gli/ti permettono di farlo (perchè come ti hanno scritto altri, in banca con le "emozioni" ci si puliscono il culo). A quelli che dicono che ci vogliono le palle per condurre una vita così io rispondo (ancora una volta) che è esattamente il contrario (sempre parere personale) perchè se io non volessi più avere responsabilità con un cazzo di niente e nessuno partirei in moto domani mattina, però mi sentirei un codardo per il resto della vita. Punti di vista...non condivisibili? vabbè ce ne faremo entrambi una ragione ma questo non vuol dire che se ti trovassi per strada ti insulterei, anzi ti assicuro che sarò il primo a farmi riconoscere e offrirti da bere per ascoltare la tua storia che sicuramente sarà più affascinante della mia ma non mi troverai mai in accordo con questa scelta di vita. Detto questo, un sincero saluto

      Elimina
  5. Per me il Nomade su questo blog centra come il barolo con una tagliata di ricciola. E ho detto tutto ....
    Giorgio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ti diro’ il barolo mi piace penso che il suo gusto deciso vada bene anche con la tagliata di ricciola🤣

      Elimina
  6. Ciao a tutti,
    premetto che il Nomade e' lontanissimo dal mio stile di Sposterista, all' inizio nei primi articoli ho storto un po il muso, non ero esaltato.....
    Con il tempo l'ho apprezzato sempre di piu'.... molto e' dovuto grazie a voi!!! Ora quando la mattina apro il blog e vedo un articolo sul Nomade lo leggo e poi incomincio a ridere (Nomade non voglio mancarti di rispetto capisci bene il concetto che voglio esprimere); Incomincio a ridere perché tra me e me dico... ecco oggi lo massacrano.... E puntualmente ogni ora apro il blog per leggere i commenti. Oggi siamo arrivati quasi a 60!!!!! Detto cio' voglio ricordarvi che Paolo qualche mese fa sollecitava piu' commenti sui post del giorno e si e' capito bene che era molto seccato dalla poca partecipazione..... Mi domando perché non c'e' su argomenti Sporty tutta questa partecipazione???
    Il Nomade non lo conosco ma mi e' diventato simpatico.
    :-)

    RispondiElimina
  7. Non ti preoccupare Paolo, il blog è sempre top al 100% e l'idea di dare spazio ad un viaggiatore interessante. Forse il Nomade non è riuscito attraverso i suoi scritti a trasmettere qualcosa di forte o simpatia. Di certo è è stato bullizzato da alcuni lettori (che non credo rappresentino la maggioranza). Per me se un post non mi interessa passo oltre. Mauro1200r

    RispondiElimina
  8. da panzoni da divano siamo passati a bulli adesso.....ma voi state fuori ragazzi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era un modo di dire Griso, ci mancherebbe. Per dire che ad ogni post ci sono sempre quei soliti che gli vanno addosso. Si ironizza dai.
      Rispetto.
      Mauro1200r

      Elimina
  9. Bellissime parole per una persona che se le merita tutte! Grande Stefano.. fregatene gli haters fanno parte del gioco ;) FreeSpirit

    RispondiElimina
  10. io lo conosco,non benissimo...ma per quel poco la mia impressione è che non è costruito,lui è così..

    RispondiElimina
  11. Ciao ragazzi non capisco questo pro o contro Stefano il Nomade io vi posse garantire che lui e cosi un UOMO un Baiker Vero per fare quello che lui ha fatto in sella alla sua bambina ci vogliono I cosidetti coglioni ma chi lo critica ha mai visto e conosciuto lui e la sua bambina Ciao Ste Baiker vero

    RispondiElimina
  12. Io sono d’accordo, dopotutto uno sul suo blog ci pubblica ciò che vuole, che poi piaccia o meno poco importa, mi spiego meglio, se a uno non piace il nomade non legge e non commenta il post.
    Senza attaccare il blog o il nomade, secondo me vivi e lascia vivere è la frase ideale in questo caso.
    Michael

    RispondiElimina
  13. Ciao a tutti. Credo che le premesse che hanno spinto Paolo a dare uno spazio al Nomade fossero più che buone. Come ha scritto non si trovano tutti i giorni persone che in sella ad uno sporty hanno girato ovunque. Penso che il blogger si aspettasse che gli scritti emozionassero noi lettori. Invece, forse per i limiti del Nomade (che non è uno scrittore) non hanno coinvolto tutti. Però basta leggerli e andare al post successivo. Credo che le intenzioni del nomade siano buone ma solo espresse male (e scade nel profetico che infastidisce qualche lettore). Per la questione banner credo sia solo una questione di ego e poco altro. Concordo con chi ha detto che alla fine andare contro al nomade per partito preso lo rende solo simpatico. Va detto che risponde sempre a tutti con educazione e gentilezza. Se tanti commenti ci fossero anche nei post dove ci sono belle sporty o novità, credo che il blogger ne sarebbe contento. Con rispetto questo è ciò che penso.
    Igor Maggiaschi felice possessore di un centenario.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del commento che prendo volentieri per migliorare ,lo so di non essere uno scrittore ma ce’la sto mettendo tutta per riuscire a parole a trasmettere quello che provo in sella al mio sporty.E come se fossi nato una seconda volta per cui ogni cosa che faccio per me e’ nuova,prima di partire ho passato gli ultimi tre anni a studiare la fisica quantistica insieme a letture spirituali per affrontare il viaggio ed arrivare a un cambiamento interiore tutto qua.Ribadisco che il banner non e’ affatto per il mio ego ma mi e’ stato chiesto da questo gruppo per poterlo mettere nella loro sede.Ringrazio ogni commento che per me e’ occasione di crescita

      Elimina
    2. Scusa dimenticavo complimenti per il tuo ferro del centenario

      Elimina
    3. Sicuramente ho tanti limiti sto affrontando una vita nuova ma ogni giorno mi impegno per superarli,forse i limiti li hanno anche gli altri che non avendo vissuto queste esperienze non capisce.Ogni persona vive le proprie esperienze ed e’ difficile falle capire agli altri ,nessuno puo’ capire se non prova le situazioni sulla propria pelle .Quando finalmente dopo piu’di due anni di ospedale ho ricominciato a parlare bere e mangiare ,quello che ho provato non penso che un altro lo possa provare.E’ difficile trasmettere emozioni se si e’ cosi totalmente chiusi di mentalita’,solo di una cosa siamo responsabili ....noi stessi

      Elimina
  14. Siamo pieni di gente che in tv in radio sulle riviste in rete cerca sempre di fare la morale,di insegnare,di dimostrare chissà cosa...nell'ambito motociclistico poi non ne parliamo,c'è sempre l'espertone che ne sa più di te.
    Ognuno viva la moto come meglio credo, personalmente dico la mia:
    leggere anche qui a cadenza fissa "il Celentano del Blog" lo trovo fuori luogo e stucchevole.

    Libertà,tenda,wild style,girare a zonzo,basta la benzina,spirito libero...din don Easyrider era del 1969,siamo quasi nel 2019!

    Luca R

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto come e’ il 2019 forse e meglio riandare verso il 1969 non credi?

      Elimina
    2. Beh celentano e’ un complimento

      Elimina