02 agosto 2018

Siamo tutti viaggiatori feat Il Nomade



Testo Stefano Nomade

In questi mesi ho parlato, incontrato e condiviso esperienze con tantissime persone e sono giunto alla conclusione che ognuno di noi, nel profondo dell'animo, nasconde un piccolo o grande viaggiatore. A maggior ragione noi che amiamo incondizionatamente le motociclette; un mezzo che ci porta a correre o forse fuggire da qualcosa. Quasi sempre il nostro errare nasce da una grande unica certezza: avere un posto dove fare ritorno

Facciamo mestieri diversi e viviamo vite diverse, ma siamo divorati dalla stessa febbre. La febbre del viaggio. Il viaggio inteso come percorso interiore, come possibilità di confrontarsi con le difficoltà e le avversità che l'imprevisto ci pone di fronte. E così che si impara a conoscere e conoscersi di più.

Ci sono quelli che del viaggio amano l'avventura e quelli che amano soprattutto il ritorno: il ritorno alla normalità, il ritorno a casa e alla famiglia. Il luogo dove il viaggiatore conserva nei cassetti i souvenir e le foto delle sue esperienza ma è sempre e solo nel cuore che tiene strette le emozioni e le nostalgie dei posti visitati e dei volti incontrati. 

Partiamo perchè inconsapevolmente dobbiamo fuggire, ho scritto prima. Fuggire da tutto quello che ci sta stretto, da tutto quello che ci opprime. Siamo tutti viaggiatori; sia chi poi farà ritorno sia chi non tornerà più. Usiamo la moto per rincorrere quello che non siamo, quello che non abbiamo, quello che non possiamo. Usiamo la moto per partire, per conoscere il mondo, per avere conferme o smentite. Scrivo e penso a tutti voi mentre sto per intraprendere un viaggio verso un posto che non conosco. 


Tornerò, forse . . .





32 commenti:

  1. E' molto più coraggioso chi rimane a confrontarsi con la realtà quotidiana, combattendo ogni giorno per difendere le proprie idee e i propri principi, rispetto a chi molla tutto e fugge (verso dove, non si sa).
    Con massimo rispetto ma con estrema franchezza.
    Giorgio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giorgio ti do ragione! Io non uso la moto per fuggire da qualcosa ma per puro piacere!
      Ronnie

      Elimina
    2. concordo anche io al 100%.

      883Low

      Elimina
    3. Ciao hai ragione se parliamo di coraggio per difendere quello che si ha io non sto fuggendo da niente ho fatto una scelta semplicemente viaggiare e quando saro stanco trovero un posto dove vivere una vita semplice

      Elimina
    4. Giorgio confermo il tuo pensiero... FUGGIRE non è mai la soluzione giusta! La vita si affronta, i problemi si affrontano e fuggire non è mai la soluzione giusta, anzi è una soluzione di comodo per codardi.
      Se fuggi fatti la domando e datti la risposta!!!
      E poi tutto questo rumors dietro al Nomade non mi torna, di raduni in questi anni ne abbiamo girati ma questo personaggio non l'ho mai visto.
      Mah!!!

      Elimina
  2. anche dopo aver riletto i precedenti post, faccio un po' fatica ad inquadrare il personaggio del Nomade... genuino o costruito sui soliti stereotipi harley-davidson?
    nei testi e nelle foto ci vedo troppi luoghi comuni ostentati, troppe "forzature" a tema biker (viaggi, fratellanza, libertà), ormai trite e ritrite in ogni salsa.
    per le esperienze che ho avuto, i motociclisti più anonimi e riservati si sono rivelati poi quelli più appassionati e "liberi", cioè lontani dal dover apparire ad ogni costo come da copione del biker rude e duro.

    mi piacerebbe comunque incontrarti in giro, per bere qualcosa e fare quattro chiacchiere, per conoscere veramente chi stà dietro al nomade.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio non e apparire volevo solo trasmettere l amore incodizionato per la moto e la liberta senza giudizi o pregiudizi rincorrendo i propri sogni ma tanta gente non e ancora pronta a recepire il messaggio ma ti assicuro che come me in giro per il mondo che hanno fatto questa scelta sono migliaia

      Elimina
    2. permettimi una frecciatina: le patch HOG, ed il mondo dei chapter in generale, sono quanto di più commerciale e consumistico esista nel nostro settore.
      la cosa stride un po' con il concetto di libertà e non-apparire che vuoi esprimere.

      secondo me non è tanto un discorso di gente pronta o meno a "recepire" il tuo messaggio.
      ma piuttosto di concetto di libertà, diverso da persona a persona.
      non siamo solo motociclisti: io sono anche un marito, e sono un papà.
      ho scelto liberamente di esserlo, e di conseguenza cerco di trovare un equilibrio tra le mie passioni ed i doveri famigliari-lavorativi, per lasciare pari libertà a chi mi stà attorno.

      comprendo il tuo messaggio, lo rispetto, ma sono anche dell'idea che se tutti fossimo dei "nomadi" nessuno tirerebbe più avanti questo mondo.

      883Low

      Elimina
    3. Scusa la mia domanda con quello che tu fai lo tiri avanti?

      Elimina
    4. Anchio ho tre figli e un nipote quindi so di cosa stai parlando

      Elimina
    5. in merito al "tirare avanti", intendo semplicemente dire che bisogna anche lavorare, e fare cose che purtroppo non ci piacciono ma che sono necessarie.
      serve un equilibrio tra i due aspetti. se stessimo tutti perennemente in giro vivendo alla giornata, chi manderebbe avanti un ospedale, una scuola, o anche semplicemente il distributore a cui fai benzina?

      in merito al mestiere del papà, mia figlia è piccola, e cerco di starle accanto il più possibile per vederla crescere. ovviamente richiede rinunce e sacrifici. vedo anche tanti padri "assenti", ma non è la mia strada.

      Elimina
  3. Secondo me il termine fuggire è usato nel senso di evasione, di spensieratezza. Concordo sugli stereotipi un pò triti e ritriti ma hanno sempre un fondo di verità se ci pensiamo bene. Sul "personaggio" Nomade non posso dire nulla perchè non lo conosco ma non ci trovo nulla di male a voler scrivere e condividere i propri pensieri. E poi non dimentico che gira in sella ad uno sporty e questo già me lo rende simpatico. Anyway respect Mauro

    RispondiElimina
  4. La mia e una scelta come quella di qualunque altro ho scelto semplicemente di essere libero e viaggiare cerco solo di trasmettere la mia passione e l amore per la liberta.Dopo un incidente con anni di coma di morfina dove al risveglio non potevo ne piu bere parlare o mangiare ho deciso di lottare rinettendomi in piedi per inseguire il mio sogno

    RispondiElimina
  5. Caro amico mio, io e tanti altri non siamo pronti a capire in pieno il tuo stile di vita... Abbiamo tutto per vivere:un lavoro, una famiglia tradizionale, una casa a cui far ritorno alla sera e naturalmente i problemi che il contesto crea ogni giorno. É 26 anni che viaggio in Harley e come te ho conosciuto molte persone e molti posti e sono sempre ritornato alla fine del viaggio, al mio punto fermo di partenza. Sarà immobilismo, sarà certezza e sicurezza delle mie mura, sarà voglia di non restare da solo, ecc ecc. Non so. Comunque per avere uno stile di vita come il tuo occorre una consapevolezza del proprio io e un minimo di conoscenza del prossimo che incontri, fortuna e ottimismo nel futuro per uscire dalla morsa della società moderna o almeno il famoso FTW come dici sempre tu... Io ti stimo e ascolto ogni tuo racconto di vita e di viaggio e mi soffermo sempre sul tuo tono di voce sempre posato e rassicurante. Quando ritornerai dal ultima avventura ti aspetterò con due birrette fresche e tanta voglia di farsi due risate come sempre... Grazie Ste. Mauro la Stella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie torno per poco perche ritornero a passare l inverno qui in sardegna dove la gente e pronta a recepire il messaggio e dove si possono creare tante cose anche voi se volete potete entrare nel progetto new life nomads

      Elimina
  6. In questo mondo sono tante le scelte e secondo me nessuna e'migliore di un altra ma solo diversa, non so perche accade ma quando qualcuno ci racconta del suo modo di vivere lo recepiamo come una critica al nostro vivere Forse non sappiamo piu ascoltare quella del nomade e un bella storia e ascolto volentieri anche perche e raccontata bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sarebbe bello leggere i resoconti di qualche suo viaggio, magari con delle belle foto. quelli li apprezzerei veramente.
      finora sono stati solo pensieri e riflessioni: per quanto piacevoli e ben scritti, io preferisco argomenti più leggeri.

      Elimina
    2. Sono qui e lo faccio per watsup non posso tramite il blog perche’ non si occupa di viaggi vi lascio il mio contatto diretto per chi ha bisogno di condividere esperienze e una mano io vivo di emozioni per cui massima disponibilita’ 0034612440812

      Elimina
  7. Anche io come tanti hanno già scritto, uso la moto per puro piacere; mi piace sia per andare al lavoro sia per fare lunghe gite e viaggi. Mi piace usarla che siano 10 o 10.000 Km non mi importa mi importa solo il fatto di godermela infatti io preferisco il viaggio che la metà; solo che io sto molto bene con la mia compagna e col mio bimbo (che nascerà fra qualche mese) e con la famiglia quindi il ritorno non lo vedo come motivo di prigionia, ma come momento di gioia per tornare dalle persone che amo e fanno parte della mia stessa vita!!!
    Michael

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie hai trovato il tuo senso della vita grazie ancora per il tuo messaggio hai trovato la tua strada

      Elimina
    2. Auguri per il bimbo Michael.

      Elimina
    3. Grazie per la fiducia e grazie per gli auguri
      Buona strada!!!
      Michael

      Elimina
  8. Caro Stefano a me sembra che le tue belle parole servano solo ad esorcizzare un passato che non si vuole più ricordare...
    Ma le cicatrici del passato ci servono non per fuggire ma per ricordare d'essere uomini migliori!
    Ciao e buona strada....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo il mio passato mi ha reso la persona che sono per cui grazie agli sbagli che mi hanno fatto capire chi sono.Grazie per le tue parole

      Elimina
  9. Facile. Facile e gratis è, commentare col ghiaccio nel sangue, a freddo senza conoscere, senza andare al di là delle parole scritte. Troppo facile. Io mentre scrivo sorrido, perché il gigante dagli occhi blu lo conosco bene. Eppure di anni ne son passati e di pezzi di vita. E mentre le strade si dividevano, si biforcavano, il gigante continuava la sua strada, fiero. I tatuaggi sono la sua storia, che poi e' stata anche la mia. Forse il primo l ho fatto con lui. Lui mi ha insegnato a non aver paura dei cani, che era la mia fobia...un metro e novantotto che non si è mai fermato, mai, energia pura...che trasmette a chiunque senza egoismo. Facile scrivere se non hai percorso un pezzo di strada insieme a lui, se con lui non hai riso o non hai pianto, se non l hai avuto come amico o non l hai in qualche maniera amato. Uno cosi, speri di incontrarlo sempre sulla tua strada, parla con chiunque gli sorrida, cambia i suoi piani per te. Io penso che poi ognuno la vita se la vive come vuole, chi sotto le righe e chi le righe le frantuma. Chi su una moto girando il mondo e chi a spentolare a casa. Io ti urlo che sei pazzesco, unico e meraviglioso. ❤
    Amore Capoeira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mez.capoeira@gmail.com

      Elimina
    2. Grazie scrivimi per watsup 0034612440812

      Elimina
    3. Scrivimi in watsup ho bisogno di sentirti

      Elimina
    4. Facile. Soltanto se rispondi a questa domanda...Quali sono le due isole della Polynesia che hai visitato e un ricordo al volo...��������

      Elimina