13 feb 2017

The Battle Of The Kings feat Harley Davidson Mantova






Anche nel caso del Rossi, mi limito a riportare integralmente lo scritto che accompagna la moto, visto che non mi ha inviato il suddetto materiale . . . .


Questa Harley-Davidson , chiamata The Social, è la prima di una serie di Custom che Roberto Rossi vuole realizzare abbracciando la filosofia di Charles e Ray Eames per cui ogni sforzo deve essere fatto per diffondere il meglio al minor prezzo e con un certo gusto Vuole combinare l'autenticità con la modernità, ad un utilizzo moderno e quotidiano. Il nome The Social  è stato scelto per trasmettere il principio di socievole ,di amico.
Le parti piu' evidenti per conferire la linea alla HD " The Social " sono : Serbatoio Benzina Forty-Eight,Cupolino,Manubrio,Filtro Aria,e mille altri dettagli semplici,che semplici non sono di cui sono fatte le Harley-Davidson Customizzate da Roberto Rossi.



Stay tuned . . .



15 commenti:

  1. L'ha resa simile ad una 48: sella, tank e specchi upside down... Poi ha messo gli accessori che stanno bene sul 48: shortshot V&H, dragbar e cupolino tipo VRod.
    Se non era x la gomma davanti diresti che e' proprio un 48!!
    Mancanza di idee??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ....prima non avevo notato che le mancano i fianchetti... Proprio un bel vedere batteria tank dell'olio in plastica e fusibili!!!! D'accordo che "less is best", ma perche'? PERCHE'??!!??

      Elimina
    2. Concordo in pieno con te Andrea!!!
      Gian Marco

      Elimina
  2. mah, da Mantova mi aspettavo di piu'.................quasi era meglio se non partecipavano...............
    Lorenzo, Pisa

    RispondiElimina
  3. Sembra l'abbiano preparata solo per rivenderla facilemente.

    RispondiElimina
  4. Anche io mi aspettavo di più da Mantova non mi sembra ci siano modifiche particolari senza parole per la rimozione dei fianchetti (perché?)
    Mi pare strano che Mr. Rossi non abbia inviato il materiale al nostro caro blogger!!!
    Michael

    RispondiElimina
  5. Siamo lontani anni luce dalla vette toccate dal Rossi con la StellaAlpina...peccato.
    Leggendo la descrizione e poi guardando la moto intravedo una certa distanza fra la dichiarazione di intenti e la moto realizzata...mi sa un po di presa per il culo...matteo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, sono d'accordo con il tuo pensiero...
      Roberto

      Elimina
  6. modifiche che chiunque abbia in casa un kit di chiavi in pollici può fare....
    e senza nemmeno tanti sbattimenti.
    Domanda....e il fianchetto mancante? mi piacerebbe sapere per quale oscuro motivo è stato tolto

    RispondiElimina
  7. Ma almeno la scritta sul serbatoio la potevano evitare...

    RispondiElimina
  8. Apprezzo l'idea di realizzare il meglio al minor prezzo ma in questo caso non sembra riuscito,diciamo che si è trasformata una roadster in un quasi forty eight. Mi piace la parte anteriore e il posizionamento indicatori di direzione, non capisco la rimozione dei fianchetti forse ritenuti superflui per la moto ad uso quotidiano.

    RispondiElimina
  9. Mi permetto di dire che è imbarazzante montare un cupolino nascondendo in quella maniera il contachilometri, nemmeno un ragazzino farebbe una cosa del genere.

    Spd

    RispondiElimina
  10. Secondo me il fianchetto lo hanno semplicemente dimenticato di rimontare prima delle foto

    RispondiElimina
  11. Ma dai, anche il serbatoio forty eight... anche quello si sono dimenticati di pittare?

    RispondiElimina

SE HAI TROVATO INTERESSANTE QUESTO POST CONDIVIDILO!