17 ott 2016

Rombo di Tuono 2016






















Un grazie a Jurij per le foto.


Nonostante abbia un sacco di materiale arretrato da mostrarvi non posso non dedicare spazio ad una fiera che negli anni si è ritagliata credibilità e un folto seguito di estimatori.
Merito del suo deus ex machina Corrado Comanzio e dei tanti collaboratori se ormai il RDT è un appuntamento imprescindibile per appassionati e addetti ai lavori.

Gran successo di pubblico, presenti in massa officine e preparatori: anche dealer e distributori di prestigio hanno voluto presenziare con stand e attività a dimostrazione della rilevanza del RDT.

...in vero quest'anno il calendario è stato davvero fitto, non c'era il tempo di annoiarsi di certo; esposizione by Shop 74, contest ufficiale, contest privati, contest for ladies . . .

Attendo commenti da tutti coloro che ci sono stati ovviamente!








7 commenti:

  1. Poche novità come purtroppo accade da qualche anno a questa parte (non sto parlando solo di RdT).
    L'unico che ha "osato" è stato Old Bob Cycles di Venafro che con la Old Rust ha fatto capire di cosa è capace.
    Gran lavoro in ogni dettaglio compresa la verniciatura davvero particolare che faceva sembrare il telaio come se fosse stato sepolto in giardino per degli anni

    RispondiElimina
  2. Sono d'accordo sia col pensiero sulle novità sia sulla Old Rust scorrendo le foto è quella che spiccava di più per originalità e anche stile mi piace davvero tanto!!!
    Michael

    RispondiElimina
  3. Perso anche quest'anno, meno male c'è il blog così almeno vedo qualche immagine, bello il chopper verde delle ultime due foto.
    Sbaglio o mi sembra meno affollata di Verona dove si fatica a vedere qualsiasi cosa??
    Gian Marco

    RispondiElimina
  4. Io ho riscontrato invece che c'erano dei pezzi esagerati.... vedi la special di Lari Moto in chiave sportster, a mio giudizio bellissima. Senza dimenticare il capolavoro fatto da Perugini di Gallery Motorcycles, una special con un cuore vintage. La fierà merita moltissimo e il livello delle preparazioni esposte era alto. Giudizio personale mi è piaciuta un sacco, indubbiamente complice è stata la compagnia della Crew DueCilindri.

    RispondiElimina
  5. Bella manifestazione.... Assolutamente da non perdere... Ottima occasione per vedere preparazione dai cui rubare idee per continuare a modificare la propria sporty... In più... Ti dà la possibilità di ritrovare amici e conoscere gente nuova...

    RispondiElimina
  6. Credo che il Rdt risenta di tutti gli sballottamenti avanti indietro nelle 2 location di Brescia e Montichiari. Brescia è indubbiamente la migliore. Io sono stato con i ragazzi al sabato ed essendo una manifestazione solo sui due giorni risentiva dell'avvio lento . Cosa positiva però dal punto della vivibilità della mostra. Alcune special ed iniziative indubbiamente degne di nota. Come il mini museo dedicato alla storia dell'evoluzione dei modello HD , molto di moda ultimamente sulla scia della serie TV.
    Dopodiché si sa che precedendo eicma e poi il bike expo di Verona non ha mai potuto brillare per novità ! Per me però sta diventando le fiera dell'-amicizia. Infatti riaperta spazio a diversi gruppi più o meno ufficiali , che creano associazioni di amici con le stesse passioni , che siano Dyna o che riguardino il modo di vivere la moda o la musica '50. E come punto di incontro tra Milano e Verona e' la mia fiera con la Crew!

    RispondiElimina
  7. Questo è stato il mio primo RdT e mi è piaciuta perchè in uno spazio vivibile ho visto diverse preparazioni, sentito della muisica, e molto interessante il mini museo con modelli H-D dagli anni 30 agli anni 90...in più ho passato la giornata con gli amici della Crew DueCilindri...magari l'anno prossimo (pioggia permettendo) si potrebbe raggiungere la location in moto...
    Roberto

    RispondiElimina

SE HAI TROVATO INTERESSANTE QUESTO POST CONDIVIDILO!