12 set 2016

Faak Am See 2016 ...in breve!





Sono le 23, gli occhi mi si chiudono dalla stanchezza (sei ore di moto senza pausa e sveglia prestissimo causa ritiro moto …..).
Mi limito a postare tre foto per riassumere questa edizione del Faaker.

Foto 1 - Se è l'imprevisto il sale del viaggio, avrei sperato in un fine settimana più insipido. Un problema elettrico alla mia sporty in autostrada intorno a mezzanotte, per giunta proprio durante il viaggio di andata e alle porte di Velden (quindi quasi arrivati alla meta), ha per forza di cose caratterizzato il faak 2016.

Per la cronaca, dopo una lunga odissea, durata due giorni, la moto viene sistemata alla meno peggio e consegnatami alle 8.00 del giorno della partenza.

Foto 2 - Il gruppo, il vero valore aggiunto: anche se non ne avevo dubbi, i ragazzi sono stati compatti e solidali con il sottoscritto. Ringrazio ufficialmente Carlo, Matteo, Jurij e Billo per il supporto pratico e morale.

Foto 3 - Ovviamente l'evento vero e proprio, sempre unico e spettacolare (ho tantissimo materiale da mostravi).

Il tempo di scaricare le foto e posterò un bel po’ di cose interessanti ……

Inoltre vi resoconterò su il problema alla mia xl, come è stato risolto e con quali problematiche!!!!


In ogni caso e nonostante tutto, una bellissima edizione!!!!



State sintonizzati . . . 





12 commenti:

  1. Nooo che sfiga... per cui niente giretto del sabato? Mi spiace... l'importante però è essere riuscito a tornare a casa con la bruna...

    Alfred

    RispondiElimina
  2. Cavolo che sfiga spero non sia un danno grave !!! Se non altro sei riuscito a tornare a casa con la tua moto!!! Alla fine viaggiare in gruppo è sempre bello sia per la compagnia ma anche per un aiuto in caso di malfunzionamenti ecc...!!!
    Michael

    RispondiElimina
  3. Alla fine... 5 moto son partite... E 5 moto sono tornate... Il problema della piccola bruna, ha si creato un po di scompiglio nei piani... Ma è stato comunque uno splendido faaker ...

    RispondiElimina
  4. L'importanza del gruppo, va oltre ogni imprevisto... Complimenti a tutti...
    Roberto

    RispondiElimina
  5. So cosa significa rimanere a piedi ..... per fortuna c'è sempre la Bettina

    Giorgio

    RispondiElimina
  6. le disavventure delle nostre sportster non hanno fatto altro che evidenziare che la sportster crew è unita e compatta!!!
    Faak una splendida manifestazione da vivere.

    RispondiElimina
  7. Grandi ragazzi ! Mai avuto dubbi sul gruppo!

    RispondiElimina
  8. Accidenti Paolo brutta rogna! Bello avere dei compagni di viaggio di questo spessore, bravi tutti!!!
    Gian Marco

    RispondiElimina
  9. In questi casi l'entusiasmo viene smorzato dallo sconforto ma se c'è un gruppo che ti sostiene nel morale la disavventura diventa meno pesante da sopportare.

    RispondiElimina
  10. In questi casi l'entusiasmo viene smorzato dallo sconforto ma se c'è un gruppo che ti sostiene nel morale la disavventura diventa meno pesante da sopportare.

    RispondiElimina
  11. In sportster non ci si annoia mai....è proprio il caso di dirlo! ;)

    RispondiElimina
  12. come si dice in questi casi, tutto bene quel che finisce bene. Grandi ragazzi, grande gruppo.

    RispondiElimina

SE HAI TROVATO INTERESSANTE QUESTO POST CONDIVIDILO!