31 mar 2016

B.O.T.K feat H-D Hradec Kralove







In un mare di scrambler, racer e tracker qualsiasi idea un pò diversa, riesce ad emergere dalla massa!

Non è necessario fare voli pindarici o inventarsi chissà quali diavolerie; basta un' idea semplice e realizzabile.

Questo è uno di quei casi!

La scritta sul filtro e le modifiche presenti, su questa preparazione proveniente dalla Repubblica Ceca, parlano chiaro; ci troviamo di fronte ad una Sportster Slim . . .si, avete capito bene . . .SLIM S!

Dalla colorazione alla nacella, dal fanale anteriore al filtro , passando per il manubrio Hollywood, sono tantissimi i richiami al Softail dal quale questa sporty trae ispirazione.
Tocchi personali, provenienti dal catalogo genuine, sono invece la sella, la borsa in tinta, le cover, i fregi e gli specchietti.


Questa idea può piacere o meno, ma il risultato ottenuto è assolutamente credibile!






14 commenti:

  1. Carina, ma perché tentare di trasformare uno Sportster in una Slim S? Faccio fatica a comprendere certe scelte.

    Ciao,
    Marco

    RispondiElimina
  2. molto carina nell'insieme ma sinceramente già l'originale non mi fa proprio impazzire...
    però un plauso all'ingegno.
    Pejo

    RispondiElimina
  3. Mha non so... Non si potrebbe definire un "vorrei ma non posso" per il semplice fatto che con i soldi spesi... Te la compri la slim i scala 1:1....il risultato è notevole, e all'inizio pensavo che il ns Blogger si fosse sbagliato... Il Frontale mi piace, ma il risultato ottenuto non troppo... Diciamo che non la condivido come scelta di preparazione

    RispondiElimina
  4. A me piace, la trovo molto "simpatica".

    RispondiElimina
  5. D'accordo sul fatto "vorrei ma non posso" però a me il risultato finale piace poi l'anteriore è davvero ben riuscito personalmente avrei cambiato anche le frecce magari quelle della rizoma, ma per il resto mi sembra ben riuscita forse anche perché lo slim come dice il suo nome è un softail "magro" che nel posteriore assomiglia alle sportster!!! Per me è promossa!!!
    Michael

    RispondiElimina
  6. Sarà che sono sempre stato hippie ma negli anni sbagliati (80 anziché 60!), ma a me tutto o quasi il militare fa schifo. Perciò mettete dei fiori nei vostri cannoji (che l'erba l'ho finita tutta negli 80ies!!).
    Peace♡♡

    RispondiElimina
  7. Adoro le Sportster ma la Slim mi fa impazzire!

    Quindi nel rispetto di entrambe boccio in pieno questa.



    Polv&

    RispondiElimina
  8. Non mi piace... la trovo una brutta repro.... è come essere collezionista di Militaria e comprare la replica dell'elmetto della X MAS... no no no non ci siamo. Unico nota positiva è che il dealer dista pochi chilometri da Praga e ho detto tutto!!! ciao

    RispondiElimina
  9. Sono d'accordo con chi dice che è un clone e che l'originale è più affascinante, però a me il risultato piace e più ancora il coraggio di fare qualcosa fuori dagli schemi.
    Complimenti!

    RispondiElimina
  10. Il risultato non è disprezzabile.Ma lo scopo del concorso secondo me è realizzare non una ''moto ma la moto''quindi un progetto su un idea che nasce dal cuore e dalla mente,qui invece l'idea è più semplice realizzare un progetto copiando un Softail Slim. Per adesso direi che le preparazioni che arrivano dai paesi esteuropa non si sono ancora espressi al meglio.

    RispondiElimina
  11. Il risultato non è disprezzabile.Ma lo scopo del concorso secondo me è realizzare non una ''moto ma la moto''quindi un progetto su un idea che nasce dal cuore e dalla mente,qui invece l'idea è più semplice realizzare un progetto copiando un Softail Slim. Per adesso direi che le preparazioni che arrivano dai paesi esteuropa non si sono ancora espressi al meglio.

    RispondiElimina
  12. Così non mi piace perché il posteriore è troppo esile, magari con un 180 la solfa cambia, poi via sto verde che non si può vedere!
    In alternativa vedo bene la cara e vecchia springer.
    Marco

    RispondiElimina
  13. Molto bella come realizzazione, riesce a dare un'aria più "importante" alla sportster, solo ci vedrei meglio il doppio strumento classico al posto di quello singolo centrale.
    Per quanto riguarda invece il "vorrei ma non posso" non sono assolutamente d'accordo. Non dico che ogni moto di grossa cilindrata debba avere la sua omologa in miniatura, ma è anche vero che l'acquisto di un piccola cilindrata (se piccole possono essere definite l'883 o la 1200) potrebbe essere frutto di una scelta ponderata e non di un ripiego; non vedo perché una persona debba orientarsi per forza su un mille e passa cc per avere determinati contenuti, anche solo estetici.

    RispondiElimina

SE HAI TROVATO INTERESSANTE QUESTO POST CONDIVIDILO!