15 mar 2016

Battle of the Kings - Iron modified by Harley Davidson Parma










Oggi parte ufficialmente il contest dal nome Battle Of The Kings; i dealer di tutta Italia (ma non solo) si daranno battaglia a colpi di chiavi inglesi, fantasia e accessori.

Il sottoscritto pubblicherà tutte le iron delle quali mi verranno inviate delle foto; visto che Harley davidson Parma è stata proprio la prima a pensare a Duecilindri Blog, apro questa serie di post proprio con la loro spettacolare preparazione.

Tanti i pezzi fatti a mano, splendida l'idea, azzeccatissimo il colore . . . .MI PIACE UN SACCO!



L’idea dell’Heroica, nasce dal dealer Roberto Demaldè ed è un retaggio del suo passato di pilota. 
Da tempo era solo uno schizzo fermo sulla sua scrivania e l’occasione di questa Battle of the Kings ha dato l'imput per realizzarlo. 
Con questa moto il dealer ha voluto fare un tributo alle origini della Harley-Davidson che è fatto anche di moto sportive e performanti; proprio la 883 si presta a questo tipo di customizzazione. 

Leggera e maneggevole non ci poteva essere migliore base per l’Heroica. 
Semi manubri, cupolino anni stile anni 70, codone e pedane arretrate sono dei classici che non possono non colpire nel segno.
Gli ammortizzatori, dopo vari test, sono rimasti quelli originali, di serie su tutte le sportster, perché performanti e senza nulla da invidiare a quelli after market. 

Lo stesso dicasi delle forcelle alle quali è stata solo diminuita la corsa e modificata la taratura per renderle più consone all’assetto sportivo. 
Gli scarichi che si sdoppiano sui due lati, il codone realizzato modificando quello della XR1200 e tanti particolari “ hand-made”, uniti agli accessori originali disponibili sul catalogo H-D, hanno creato questo riuscito mix. 



Partiamo alla grande; vedremo se le altre concorrenti riusciranno a superare questa bella preparazione by Harley davidson Parma!!!!




Per vedere tutte le altre preparazioni e votare la vostra preferita cliccate il link: BATTLE OF THE KINGS



Stay tuned 

16 commenti:

  1. davvero bella e particolare!
    Pejo

    RispondiElimina
  2. Non modificherei mai così la mia Iron, però è innegabile che sia fuori dal coro con idee davvero particolari e realizzate, almeno a giudicare dalle foto, davvero con cura. Quindi complimenti al dealer di Parma, speriamo che anche gli altri italiani siano all'altezza e ci facciano fare bella figura nel mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.S. La storia degli ammo non me la bevo però. :)
      Saranno buoni fin che vuoi questi nuovi, ma rispetto a due Ohlis o Bitubo secondo me ce ne corre... Stesso discorso per la forcella davanti: con le molle e con l'olio la indurisci e basta, mentre con le cartucce la rendi una "forcella". Capisco che debbano essere corporativi, però...

      Elimina
  3. Bella l'idea,bello lo scarico,bello il cupolino e la colorazione..
    ma il codino,proprio non mi piace.
    Fabio

    RispondiElimina
  4. bella.
    il codono posteriore è derivato da un XR,adattato all Iron,e ci stà anche bene.
    Il giallo è perfetto come colore,doppio scarico fantastico x la tipologia di moto.
    mi piace molto.
    paolo57

    RispondiElimina
  5. Veramente molto bella!
    Raramente si vedono preparazioni cosi' in Italia.
    Voto 10

    DJ

    RispondiElimina
  6. Davvero bella e originale ricorda vagamente le moto dell'ambiente AMA anni 70!!! Colore stupendo? nome azzeccato, unico appunto l'avrei preferita col doppio disco anteriore
    Dai Paolo organizza un giretto a Parma merita di essere vista dal vivo!!!

    Michael

    RispondiElimina
  7. Bella mi piace molto, magari nera e arancio come le HD da gara però anche questo giallo non mi dispiace! Marco

    RispondiElimina
  8. Di preparazioni di questo genere non se ne vedono molte in giro, azzeccato il colore e il cupolino anni 70 ci sta. Bella e originale!!!

    RispondiElimina
  9. Questa è quella che più apprezzo

    RispondiElimina
  10. Bellissima, avesse avuto, per i miei gusti, un codino piu affusolato sarebbe da lode... d'accordo anche con la scelta delle sospendioni originali, le ho provate su un nuovo iron e vanno benissimo, sono sicuramente più che idonee per le prestazioni che ha.. ho appena messo le molle progressive nella mia forcella e penso che anche questa soluzione sia sufficiente per questa sportster.
    Andrea GATE

    RispondiElimina
  11. Chi direbbe che questa è un Iron complimenti per la trasformazione. Apprezzo perchè Iron cosi in giro si vedono di rado compreso la colorazione non molto diffusa in alternativa al classico nero.

    RispondiElimina
  12. Questa è molto bella,apprezzo molto il colore originale e gli scarichi sdoppiati... Complimenti.. Ottime idee

    RispondiElimina
  13. Roberto Demalde'15 marzo 2016 19:17

    Ciao ragazzi , grazie per i complimenti e le critiche. La coda in effetti mi ha dato da pensare per parecchio tempo, ma mi ero posto un punto fermo : non tagliare il telaio . Da appassionato di Sportster mi sembra una violenza e avendolo già fatto su una Cafè Racer mi ero promesso di evitarlo. Il problema era però coprire i fender , il risultato mi ha abbastanza soddisfatto. In più non ha tolto la possibilità di un eventuale ( anche se improbabile) biposto ! Il colore , Yellow Harley 082, sullo Sportster mi fa impazzire così come il rosso, insomma... RACING!

    RispondiElimina
  14. Stupenda!! Il mio voto va a lei.
    Mc

    RispondiElimina
  15. Moto molto particolare con stile sicuramente fuori dagli schemi, Sportster di questo carattere non se ne vedono in giro il nome è troppo azzeccato "Heroica". Resta il fatto che non trasformerei in quel modo il mio sportster. PHD bravi bravi ma nel rispetto della vostra città un po di blu mischiato al giallo non ci stava male.

    RispondiElimina

SHARE THIS