02 feb 2015

MBE 2015 - Scrambler Ducati





Tre preparazioni su base Scrambler Ducati, firmate rispettivamente da Mister Martini, Officine Mermaid e Deus (quella gialla).

La nuova nata in casa Ducati desta attenzione, le reazioni sono contrapposte; c'è chi la ama e chi la odia!

Quattro versioni prodotte, un catalogo accessori ricco e curato e un appeal di tutto rispetto; il fascino senza tempo della scrambler anni 70 è ancora vivo in molti motociclisti e la comparazione con lo storico modello sarebbe sbagliato.


Mi auguro che Ducati abbia colto nel segno!



17 commenti:

  1. La Martini non è più una scrambler...
    La seconda è fantastica, mentre la deus è imbarazzante

    RispondiElimina
  2. a me non piace proprio la base, la nuova Scrambler Ducati è veramente brutta ! poi degustibus......
    Marcolino

    RispondiElimina
  3. Anche secondo me è proprio la base che non funziona!
    Bocciate tutte e tre!
    Marco

    RispondiElimina
  4. la martini mi piace ma è in effetti "fuori tema" . . .la Deus è davvero "strana", mentre quella di Mermaid è quella più "centrata" . . .anche se il fanale ausiliario a lato lo trovo superfluo e inutile (oltre che esteticamente non azzeccato).
    Nano71

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Forse rappresentano il futuro delle scrambler.........forse. Di fatto non mi piacciono, troppo lontane da come le scrambler dovrebbero essere.

    RispondiElimina
  7. Io ne la amo ne la odio mi lascia indifferente!!! D'altronde è difficile rievocare lo spirito di una moto leggendaria come la scrambler ad esempio gli costava tanto fare un monocilindrico e renderla più simile alla sua antenata!!! In quanto alle preparazioni la più bella per me è quella di Mr. Martini anche quella di deus non è male ma il colore della sella e anche la sella sono osceni!!!
    Michael

    RispondiElimina
  8. Mr Martini normalmente mi piace ma qui siamo fuori tema, deus va direttamente nel cassonetto, salvo quella nel mezzo che e' la più on-off , in ogni caso , per me, in ducati non hanno proprio capito niente , primo perché l'hanno fatta bicilindrica e poi troppo plasticosa, se una moto e' nata bene poi, non credo sia indispensabile farne subito infinite versioni estetiche , per me è un no su tutta la linea!!!!!!

    RispondiElimina
  9. meglio la icon originale.
    Paolo 883

    RispondiElimina
  10. Meglio la Borile
    Giorgio

    RispondiElimina
  11. Ma che cazzo avevano in testa quelli di deus?!?

    RispondiElimina
  12. Concordo pienamente con Giorgio, meglio, anzi molto meglio, lo scrambler di Umberto Borile!!!!
    Andrea

    RispondiElimina
  13. Di Ducati mi piace solo il Monster prima versione; per una evocazione della Scrambler avrei sperato in un monocilidrico, questa è senza identità. La BMW, nel segmento on-off è avanti a tutti, le altre inseguono annaspando; meglio orientarsi diversamente. Spiace vedere preparatori blasonati che legano l' asino dove vuole il padrone.

    Graziano

    RispondiElimina
  14. OMG...che mal di pancia
    ciao matteo

    RispondiElimina
  15. Secondo me noi non siamo il pubblico adatto a giudicarla.
    Questo perchè la Scrambler deve evocare emozioni, legame col passato, appartenenza ad un marchio e noi veniamo da una casa e soprattutto da un modello che di queste cose ne ha da vendere. Non c'è paragone...
    Dovremmo metterci nella testa di chi ha sempre avuto delle Giappe senza cuore o degli scooteroni, ma per me è davvero difficile! :)
    Resta che per me è bella e quella di Mermaid ancora di più (Deus sono impazziti...) ma la mia Sportster è di un altro pianeta.

    RispondiElimina
  16. Senti, parlando di scrambler...
    http://www.bikeexif.com/harley-883

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne farò un post . . .grazie anonimo!
      Paolo

      Elimina

SHARE THIS