7 nov 2013

Eicma 2013 - Yamaha SR 400








Continuiamo a parlare di Eicma con un'altra anteprima, che esula sì dal mondo sporty ma rientra nel più ampio mondo delle preparazioni.

Da sempre in Giappone, Germania e paesi del nord sfruttano la vecchia Sr400 come base per le loro special; ora la Yamaha ripropone questo storico modello.

Come ormai è abitudine, la casa motociclistica nipponica, chiama a sè due esperti del tema SR ( Wrenchmonkees e Kedo) per la realizzazione di due splendidi pezzi unici.

Tutti potranno farsi un'idea di cosa si può tirar fuori da questa moto.
Qualche dettaglio tecnico preso dal web:

Un telaio monoculla in tubi, serbatoio a goccia (12 lt) una sella comoda per due e un mono (4t, raffreddato ad aria, distribuzione monoalbero con due valvole, lubrificazione a carter secco con circuito dell'olio nel telaio) così semplice che si può aggiustarlo anche in cantina al buio, parcheggiata sul pratico cavalletto centrale. 

L'avviamento solo a pedale (facilitata dalla leva del decompressore sul manubrio e dall'indicatore sul lato destro della testata del punto ideale di calciata) riporta a una piacevole "intimità" con la propria moto, smorzata solo dalla presenza dell'iniezione elettronica, necessaria per rientrare nelle normative antinquinamento, insieme al catalizzatore presente nello scarico cromato. Inno alla semplicità anche per il comparto sospensioni, con una forcella non regolabile e due ammortizzatori a vista "aggiustabili" nel precarico, con rispettiva escursione di 150/100 mm. 

A chiudere, le ruote da 18" in alluminio e a raggi e l'impianto frenante disco/tamburo. Disponibile da febbraio 2014 nelle colorazioni nero e grigio, verrà venduta a 6.190 euro c.i.m.

17 commenti:

  1. L'ho "diciamo scoperta" questa estate ed è stata una folgorazione per me. Questa moto e' in vendita da una vita nella versione 400, classica cilindrata per il mercato giapponese ed esiste anche un modello 500 se non sbaglio. Credo che quest'anno sia il 35esimo ! Mi piace il discorso avviamento a pedale e la trovo una base fantastica per una moto facile e stylosa in chiave Brat !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo, economica, ottima base per delle modifiche con diverse interpretazioni. Andrea

      Elimina
    2. Ciao Mischi, anche a me piace moltissimo, nel lontano 1998, con la versione da 500 cc ( di mio padre) andai all'ELEFANTENTREFFEN, e chi frequenta questo raduno sà che il 1998 fu ghiaccio-neve e -18 costanti, ..bè la piccola SR si comportò benissimo, nessun problema sulla neve,e partì al 1° colpo di pedale alla mattina successiva, dove veramente uno stuolo di Japan e BMW, non ne volevano sapere di ripartire ( solo le "T non avevano grandi problemi) ricordo questa moto con nostalgia e piacere..e mi sà che prima o poi mi ricomprerò la 500 cc..ciao BY RAVE

      Elimina
  2. Ecco, quando critico gli scrambler su base Sportster (che proprio non sopporto...) penso a moto come questa.

    Quella in terza e quarta foto è veramente bellissima!! E' piccola, leggera e senza pretese.

    In città va benissimo e puoi farci pure qualche sterrato leggero.

    Costa ormai come uno scooter.... 10 a 0 contro le nuove mini-HD

    Polv&

    RispondiElimina
  3. si ma 6200€...ma stiamo scherzando?

    Marco

    RispondiElimina
  4. In effetti 6200 euro stona un pò!
    Mi sembra un pò troppo .....il suo prezzo era al massimo 4900 euro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok, è alto...ma se non sbaglio (sono un po' fuori dal giro) per prendere un 50ino a marce ormai ci vogliono almeno 4000€. Prima del 48 avevo un Beta M4 350, motore del Suzuki DR quindi vecchiotto, e la pagai a conti fatti circa 5mila...
      Diciamo che porebbero fare una base a 5000 e le due versioni "special" a 6000 e 6500 per lo scrambler

      Polv&

      Elimina
  5. Emanuele-Bolzano7 novembre 2013 11:53

    Non amo il riso sulle strade (solo nel piatto e possibilmente Carnaroli vercellese) ma onestamente riconosco che poter spendere relativamente poco fare avanzare un budget che permetta una bella personalizzazione, è una buona idea.
    Doveva proprio arrivare la crisi per tornare con i piedi per terra e offire prodotti accessibili......ma quante vittime è costata e continua a mietere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne vuoi un po'? Qui da me il riso non manca mai :D

      Elimina
    2. Emanuele-Bolzano?
      Mi sa che ci conosciamo...
      Fabio-Bologna.

      Elimina
  6. Bella e semplice; ottima per i neofiti, nostalgici e utenza femminile, il prezzo mi sembra eccessivo, in casa Yamaha con 5840 euro ( listino Motociclismo) si compra la xj6 a 4 cilindri e 600cc. lo stesso discorso è esteso alla Royal Enfield.

    RispondiElimina
  7. Il post precedente è mio; come spesso accade mi sono dimenticato di firmare.

    Graziano

    RispondiElimina
  8. Non mi piace....meglio il mio sportsterc0n 200000 km.

    RispondiElimina
  9. Che figata che base !!!!!!
    Patric

    RispondiElimina
  10. le trasformazioni in stile scrambler e stile chopper su questa sr sono uno spettacolo !! (vedi sito easy riders japan!!)
    Jimmy883

    RispondiElimina
  11. Vista dal vivo Venerdi all'EICMA.
    A mio parere una delusione, va bene lo stile vintage...ma il vecchio pagato come nuovo no!
    Intendiamoci, la moto è bella, un grande classico, ma a mio parere non ha senso comprarla nuova, pagarla oltre 6000 Euro per poi magari modificarla come le due esposte a fianco al salone che erano veramente belle!
    Una considerazione su tutte: ha i blocchetti elettrici che forse non aveva neanche il mio Garelli degli anni 80!

    RispondiElimina

SHARE THIS