08 mar 2013

Una corretta postura!




 
 
Quattro manubri, quattro posizioni di guida, quattro stili e quattro "curvature" di schiena!
The winner is . . . .

8 commenti:

  1. Già da anni ho affrontato il problema postura-schiena sulla moto, discutendone con fisioterapisti e medici motociclisti, ne è venuto fuori che escludendo i casi personali di patologie varie, a parità di moto, più si è eretti sulla moto, peggio è, poichè tutto il peso del corpo con l'aggiunta dei sobbalzi stradali grava direttamente sui dischi intervertebrali, mentre una postura più avanzata scarica gran parte del peso sulle braccia e non sulla schiena,peso inoltre parzialmente alleggerito dall'aria che investendo frontalmente il pilota genera portanza e scarica peso.Tutto quanto sopra è il sunto di discussioni e teorie ma anche di pratica sulla propria pelle, ma PRENDETELE COME TEORIE E NON VANGELO NON SONO UN MEDICO. ciao by RAVE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ammazza che analisi medica precisa!
      Grande rave.
      Nano 71

      Elimina
  2. Sarà ma io in tanti anni ne ho provati di diversi tipi ma il più comodo "per me" é senza dubbio l'ape, che monto tuttora. Anche se ho la schiena dritta, dopo giri di 400 500 km non ho mai sentito un dolorino! Non posso dire altrettanto di altri manubri. Piro72

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, ma tra "comodo" e "usurante" c'è una bella differenza,..hai mai notato come praticamente tutti alzano le borse della spesa?, piegando la schiena!..è più comodo e meno affaticante che piegare le gambe, poi un bel giorno dopo anni...scopri che ti sei creato un'ernia protrusa ad un disco intervertebrale!.....ciao By Rave

      Elimina
  3. Comunque a parte la postura...ma sapete che il colore di questa sporty non è niente male nella sua semplicità??..by Rave

    RispondiElimina
  4. Lo scaricamento delle forze-peso avviene principalmente sulle pedane e il loro posizionamento per una postura corretta è fondamentale. L' ideale sarebbe averle in linea con la testa del femore, ma in quasi tutte le moto di uso stradale, corrisponderebbero alla posizione delle pedane del passeggero. Alzi la mano chi non le ha mai usate come appoggio nei lunghi trasferimenti autostradali.

    Graziano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non per contraddirti, ma non capisco...la posizione delle pedane è fondamentale, ma secondo me il manubrio cambia tantissimo.
      Sul 48 ho montato le centrali e non cambiava niente, mentre quando raddrizzo la schiena (come se avessi un manubrio alto) sto benissimo.
      Quando mi appoggio sulle pedane passeggero effettivamente è un altro mondo, ma scarichi sulle braccia..
      Il meglio secondo me è quello della prima foto.

      Polv&

      Elimina
  5. Sono passato da un supermotard stradale (MT03) a una Sportster XLH 883 carb con dragbar da 70 e riser cortissimi (simile come postura alla terza foto dall'alto), e devo dire che, per la mia esperienza, è senz'altro vero che la postura diritta è più affaticante. Sarà anche per via delle vibrazioni del mono - non che l'Harley a carburatore + Screamin'Eagle sia poi molto più moderata da questo punto di vista -, ma trovavo assai più stressante la moto precedente... Vi assicuro che già 70-80 km si facevano sentire. Sono appena rientrato da un giretto di 120 km con la Sporty, in condizioni sgradevoli dovute a forte vento, e la schiena è solo appena indolenzita, più a causa della tensione per tenere la moto in carreggiata che altro.
    Mi riprometto da un pò di provare anche un miniape, tipo seventy-two (una sega mentale in attesa di trovare i 12.000!)

    RispondiElimina

SHARE THIS